Startup Weekend, Reggio battezza 5 nuove imprese

Cene e cinema scontati, animali sul web, collette per regali e riunioni virtuali sono le idee di impresa che hanno passato la selezione

REGGIO EMILIA. È davvero entrato nel vivo, ieri allo Spazio Gerra, lo Startup Weekend, competizione, ma anche momento di formazione, basata su un format internazionale che ha generato imprese innovative in tutto il mondo. La gara, organizzata per la prima volta in Emilia Romagna da Hurricane Start, community reggiana di “innovatori” resasi ormai celebre, e Smart Italy di Milano, era iniziata venerdì sera, con l'arrivo degli 80 “startupper” da tutta Italia e la presentazione di 37 possibili startup (ovvero embrioni di aziende), proposte dai partecipanti. Da queste 37, tramite una votazione, ne erano state scelte 7, candidate alla vittoria; sempre nella serata di venerdì la formazione dei 7 team di lavoro che si dedicheranno allo sviluppo dell'idea sotto tutti gli aspetti, dallo sviluppo al marketing, alla realizzazione del business plan.

Ieri poi, dalle 9 di mattina, lo Spazio Gerra ha aperto le porte agli ottanta startupper divisi in 7 squadre; da quel momento è stato lavoro intensivo che si protrarrà fino all'incirca alle 16.30 di oggi, orario in cui una giuria qualificata sceglierà la vincitrice. Ma quali sono, dunque, le 7 idee che si stanno sfidando allo Spazio Gerra? Ve n'è davvero di diversissime nature, scopi e funzioni, e in continua evoluzione, a partire dal nome stesso con cui verranno lanciate. La prima è Cosamangiostasera, pensata per chi, uscendo tardi dall'ufficio, è in cerca di un pasto veloce e, perché no, scontato. Proprio per questo il team di sviluppatori sta realizzando un'applicazione per mobile che permette di trovare negozi resisi disponibili a scontare i loro prodotti in prossimità dell'orario di chiusura, prodotti che in altro modo rimarrebbero invenduti se non cestinati. La seconda è Locomovie, nata dall'esigenza di gestire i numerosi biglietti invenduti dai cinema; ancora una volta un’applicazione per smartphone che potrebbe risolvere il problema, mettendo in rete la disponibilità, ovviamente con un prezzo scontato, di accaparrarsi last minute i posti rimasti vuoti nelle sale. Vi è poi TunApp, applicazione, ma anche social network, utile a gestire il libretto sanitario del proprio animale domestico avendolo in formato digitale e quindi sempre con sè, ma che consente anche di condividere informazioni utili e porre domande ai veterinari in tempo reale, sempre attraverso un cellulare evoluto.

La quarta è GiftaLo, nome che in un inglese storpiato significherebbe “regalalo”, ovvero una piattaforma di crowdfounding che permetterebbe di fare “collette” fra amici per acquistare, ad esempio, un regalo di compleanno; la quinta è poi PirateCamp, anch'essa una piattaforma in grado di organizzare riunioni “virtuali”, ma anche fisiche, di programmatori o appassionati di videogame. Ma a Startup Weekend vi sono team che si sono concentrati anche sui problemi sociali; si sta lavorando dunque a Willy, navigatore satellitare pensato per i portatori di disabilità in grado, ad esempio, di calcolare il percorso migliore e senza ostacoli o trovare in un batter d'occhio alberghi nelle vicinanze con strutture adatte al caso loro. In ultimo, ma non in ordine di importanza, Easy Office, anch'essa una piattaforma che si concentra sulla condivisione degli spazi di lavoro in ufficio; se un'imprenditore ha un ufficio troppo grande può ottimizzare lo spazio “affittando” una scrivania; viceversa chi ancora un ufficio non può permetterselo, può con Easy Office trovarne uno a buon prezzo. Presenti ieri imprenditori, investitori, aziende internazionali, che offrono ai partecipanti consigli e informazioni utili a capire come avviare una propria attività.