Alleva Chihuahua ma al fisco non dà nulla, scoperto evasore dalla guardia di finanza

Nei guai un pensionato di Bagnolo in Piano tradito dagli annunci su internet. Avrebbe evaso circa 550mila euro

BAGNOLO.

Allevava e commerciava Chihuahua da vent'anni, ma non aveva mi presentato alcuna dichiarazione al fisco. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza di Correggio assieme ad un altro negoziante di animali che, come lui incappato nelle verifica fiscale, è risultato essere un evasore totale.

La Guardia di finanza nelle due verifiche ha controllato gli anni dal 2009 al 2014, ricostruendo ricavi sottratti all'imposte sui redditi per oltre 500.000 euro, e anche violazioni all'Iva per oltre 55.000.

A tradire il commerciante di Chihuahua è stato internet, perchè i finanzieri guardando tra i siti di allevamenti di cani hanno notato l'esistenza di uno con esperienza ventennale, ma hanno scoperto che l'attività non era registrata alla camera di commercio nè all'anagrafe tributaria.

Da successivi approfondimenti è emerso poi che l'allevamento faceva capo a un pensionato di Bagnolo in Piano, molto noto e affermato nel settore, in Italia e all'Estero. Di fatto esercitava con regolarità l'attività di allevamento e vendita di cuccioli Chihuahua, senza autorizzazioni amministrative, sanitarie e senza aver mai assolto alcuno degli obblighi imposti dalla normativa tributaria.