Primarie Centrosinistra: una telefonata e la carta d’intenti ti arriva a casa

Con il D-day delle primarie dedel centrosinistra sempre più vicino, scattano i preparativi per le registrazioni dei futuri votanti. Già dalla scorsa settimana, il Pd locale ha iniziato a raccogliere...

Con il D-day delle primarie dedel centrosinistra sempre più vicino, scattano i preparativi per le registrazioni dei futuri votanti. Già dalla scorsa settimana, il Pd locale ha iniziato a raccogliere le adesioni alla Carta degli intenti, conditio sine qua non per votare alle primarie. Le firme possono essere depositate in modo canonico, e non solo.

Tra tutti i circoli del Pd, infatti, ce n'è uno che ha deciso di operare in modo alquanto innovativo: si tratta del Quarto Circolo. «Da lunedì 12 novembre verrà attivato un numero verde – spiega il segretario Mauro Vicini – che servirà a chi, pur essendo interessato a registrarsi, non può uscire di casa. Dopo aver preso accordi telefonici, infatti, uno dei dieci componenti del comitato elettorale si recherà a casa dell'interessato, gli farà firmare la carta, raccoglierà i soldi e rilascerà il certificato».

L'originalità del metodo potrebbe far parlare le malelingue, ed è per questo che Vicini specifica: «L'introduzione del numero verde permette di agevolare chi vuole votare alle primarie, incentivando in generale la partecipazione. Ma non ci sarà nessun porta a porta e, soprattutto, nessuno cercherà di operare contro la volontà delle persone: tutto il meccanismo scatterà solo dopo la telefonata al numero verde. Mi rendo conto che il servizio è davvero innovativo, ma è assolutamente coerente con le norme del comitato». Se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto, insomma. In attesa che il tempo sveli gli esiti di questo nuovo metodo, nel cielo della politica reggiana si stanno addensando le nubi dell'organizzazione. Sì, perché il 25 novembre non è più così lontano e ormai bisogna pensare alle cose concrete, logistica in primis. «Per le votazioni serviranno circa cento gazebo – dice il segretario provinciale del Pd Roberto Ferrari – e di conseguenza serviranno tantissime persone che prestino servizio. Sarebbe bello e utile avere anche la collaborazione di Sel».

Come a dire, va bene la Carta degli intenti e l’alleanza per un futuro governo, ma iniziamo a collaborare nei gazebo del 25 novembre.

Martina Riccò