Il pieno dell’auto elettrica ecco dove farlo in città

Sette colonnine sono già in funzione nei principali parcheggi del centro Altre quattordici saranno installate entro novembre: ecco la mappa

In questi ultimi anni, a Reggio in tanti - soprattutto nei settori del commercio e dei servizi - hanno colto l’opportunità di una mobilità sostenibile attraverso l’utilizzo di macchine e furgoncini elettrici. E di fronte alle frequenti campagne dell’amministrazione comunale, mirate a promuovere questo tipo di trasporto a impatto zero, l’obiezione più comune era sempre la stessa: dove mi ricarico. Ora a questa obiezione Enel ha dato una risposta concreta. Sono sette le colonnine per la ricarica di veicoli elettrici già installate in città. Altre quattordici saranno installate entro il prossimo mese di novembre. Allora i reggiani avranno a disposizione una rete di ventuno stazioni pubbliche per rifornire di energia questi mezzi di trasporto non inquinanti, che hanno sempre libero accesso alle zone a traffico limitato e possono sostare gratuitamente sulle strisce blu. Sulla base del piano regionale "Mi muovo elettrico", a cui ha aderito anche Reggio, la regione Emilia Romagna ha firmato protocolli d'intesa con le aziende fornitrici Enel e Hera. Sono state quindi attivate due colonnine in piazza del Tricolore, due in piazza Marconi, due in piazzale Europa, una in via Roma (nella "piasa dal pòpol giost"), una in via San Girolamo e una in via Leopoldo Nobili.

Nei prossimi mesi ne saranno installate ancora due in piazza Gioberti, due in viale Regina Elena e una in ciascuno dei seguenti punti: Quinzio Retail, Conad Le Querce, Ipercoop Ariosto, Arcispedale Santa Maria Nuova, piazzale Roversi, via Vittorio Veneto e viale Trento Trieste.

Inoltre, al di fuori del protocollo d'intesa, Enel ha montato una colonnina nel parcheggio di via Pansa, in prossimità del suo punto informativo.

In futuro si prevede di estendere la rete alla stazione ferroviaria dell'alta velocità di Mancasale, dove il comune vorrebbe attivare almeno tre colonnine, collegate a un servizio di noleggio di auto elettriche. Si rafforzerà così il primato nazionale che la nostra città detiene con ben un veicolo elettrico ogni 498 abitanti. Infatti la società Til, collegata a Seta, dispone di 736 veicoli di questo tipo da dare a noleggio, di cui 341 a Reggio.

Escluse Modena e Imola, nelle altre otto città emiliane, tra cui la nostra, che partecipano al protocollo d'intesa promosso dalla Regione, le stazioni pubbliche per la ricarica dei veicoli elettrici sono installate dall'Enel in stretto coordinamento con le amministrazioni comunali. E' un'iniziativa che dipende anche dall'importanza che l'azienda attribuisce alla realtà economica di questo territorio, indirizzandovi investimenti rilevanti.

«L'Emilia - spiega Gianluca Caccialupi, responsabile pder l'Enel della distribuzione nell'area Nord Est - è una regione dove l'Enel ha posto sempre grande attenzione all'innovazione tecnologica. Basti pensare che oltre dieci anni fa i primi esperimenti sul funzionamento del rivoluzionario contatore elettronico vennero fatti proprio in questa regione per le peculiarità della rete elettrica che, per qualità del servizio elettrico, è una delle migliori in Italia».

Ma la scelta dell'Enel è stata suggerita anche dalla geografia: «Il protocollo firmato con l'Emilia- Romagna - dichiara Fulvia Fazio, responsabile Smart Grids Italia - è il primo in Europa su base regionale. Lungo la via Emilia, infatti, le città si dispongono a una distanza di 30-50 chilometri l'una dall'altra, cioè entro un raggio totalmente compatibile con l'autonomia dei veicoli elettrici attualmente circolanti. Da questo punto di vista l'Emilia è un laboratorio ideale per la sperimentazione e lo sviluppo della mobilità elettrica». Luciano Salsi

©RIPRODUZIONE RISERVATA