Auto a fuoco, preso il piromane

I carabinieri hanno identificato e denunciato un 35enne che lo scorso aprile appiccò il fuoco all’auto di proprietà di un giovane di Gattatico. Il piromane è stato tradito dalle sue impronte digitali

GATTATICO. La mattina dello scorso 17 aprile, fiamme e fumo cominciarono ad uscire dall’abitacolo di un’Alfa 145 di un trentenne del paese. Uscito di corsa da casa, il proprietario riuscì non senza fatica a domare il rogo, ma questo non servì a limitare i danni riportati dall’autovettura. Sull’episodio i carabinieri della caserma di via Rodari avviarono subito le indagini, essendo chiaro che si era trattato di un episodio doloso. nell’abitacolo i militari trovarono infatti una bottiglia di plastica contenente del liquido infiammabile. Le successive analisi del Ris riuscirono ad isolare alcune impronte digitali. Grazie a questo risultato i carabinieri sono così riusciti a risalire all’autore del gesto: si tratta di un cittadino macedone di 35 anni residente in provincia di Parma. L’uomo aveva agito per vendetta, perchè alcuni giorni prima aveva avuto una violenta discussione con il fratello del proprietario dell’auto incendiata.