E’ già tutto pronto per la riapertura del cinema Rosebud

Riaprirà il 5 settembre in concomitanza con la Mostra internazionale d'arte cinematografica e al lunedì e al mercoledì proporrà una bella rassegna di titoli "Invisibili", film che non hanno trovato una uscita

REGGIO

Si inaugura un nuovo anno cinematografico del cinema Rosebud (il 27esimo per essere precisi) e ci auguriamo che questa stagione possa nutrire in abbondanza di bei ed emozionanti film del presente e del passato. Si prospettano tempi bui per la cultura in generale e gli spettatori del Rosebud, insaziabili esploratori del presente e del passato, si accingono ad inaugurare un nuovo anno cinematografico che porterà alcuni piccoli cambiamenti. Tra le novità quella della campagna abbonamento Amici e Sostenitori del cinema Rosebud.

Diventare Amico e Sostenitore del cinema Rosebud permetterà, tra le altre cose, di continuare nella promozione di proiezioni di alta qualità in particolare quelle di storia del cinema e monografie. Il cinema Rosebud riaprirà in concomitanza con la Mostra Internazionale d'Arte cinematografica e al lunedì e al mercoledì proporrà una bella rassegna di titoli "Invisibili", film che non hanno trovato una uscita. Si partirà il 5 settembre con The Housemaid di H. Sang-Soo considerato tra i registi di punta della "nouvelle vague" coreana, assieme a Kim Ki-duk e Park Chan-wook. Il 7 settembre sarà la volta di The Cospirator di Robert Redford, che racconta la vicenda di ordinaria ingiustizia subita da Mary Surratt, madre di uno dei cospiratori coinvolti nell'assassinio di Abramo Lincoln, processata senza regole e senza tutele.

Seguiranno poi Venere nera il film-choc di Kechiche rievoca con ricercata crudezza il destino di Saartjie Bartman, impropriamente nota come la "Venere ottentotta"e The Hunter di R. Pitts (2010) Lunedì 19 settembre in programma per gli amanti dei Doors di When you're strange di T. Di Cillo: un documentario dedicato agli anni trascorsi tra i primi concerti dei Doors e la tragica morte di Jim Morrison avvenuta a Parigi a seguire L'Albero di J. Bertuccelli con Charlotte Gainsbourg.

Mercoledì 28 settembre Bronson di W. Winding Refn. Bronson è basato sulla vita di uno dei più famosi criminali inglesi, Michael Gordon Peterson. Il 5 ottobre un omaggio a Michel Petrucciani, virtuoso del jazz, pianista dal tocco irrepetibile, che ha trasformato il destino ingrato che lo ha fatto nascere con una malattia genetica invalidante in un'occasione di applicazione appassionata alla tastiera e di espressione totale di sé: tutto ripreso nel documentario Michel Petrucciani - Body & soul. Il programma degli Invisibili continuerà con La polvere del tempo di T. Angelopoulos, Cirkus Columbia di D. Tanovic e This is England di S. Meadows. Per gli appuntamenti con i registi segnaliamo il 26 settembre con la proiezione in anteprima regionale del film Il ribelle di G. Bocchi che racconta l'avventura di Guido Picelli che visse da protagonista la storia del '900 e si battè senza sosta per l'affermazione della giustizia sociale in tutta l'Europa, lottando contro ogni forma di totalitarismo.

                                                                                                             Sandra Campanini