Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Tutti i danni causati dalla finanziaria»

Campagnola, i sindaci della zona alle prese con i tagli ai Comuni

 CAMPAGNOLA. Per iniziativa del gruppo consigliare «Democratici Insieme per Campagnola Em.» (capogruppo Giorgio Galli) i sei sindaci dell'Unione Comuni Pianura Reggiana (Campagnola Emilia, Correggio, Rolo, Fabbrico, Rio Saliceto, San Martino in Rio) hanno incontrato a Campagnola i cittadini.  Nella sala Rodari gremita, con il consigliere comunale di Reggio Emilia Valeria Montanari in funzione di moderatore, i sindaci Paola Baraldi, Marzio Iotti, Vanna Scaltriti, Luca Parmiggiani, Fabrizio Be ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

 CAMPAGNOLA. Per iniziativa del gruppo consigliare «Democratici Insieme per Campagnola Em.» (capogruppo Giorgio Galli) i sei sindaci dell'Unione Comuni Pianura Reggiana (Campagnola Emilia, Correggio, Rolo, Fabbrico, Rio Saliceto, San Martino in Rio) hanno incontrato a Campagnola i cittadini.  Nella sala Rodari gremita, con il consigliere comunale di Reggio Emilia Valeria Montanari in funzione di moderatore, i sindaci Paola Baraldi, Marzio Iotti, Vanna Scaltriti, Luca Parmiggiani, Fabrizio Belelli e Oreste Zurlini hanno illustrato le difficoltá in cui si vengono a trovare i Comuni a seguito dei drastici tagli ai bilanci decisi dal Governo.  Sottolineando in particolare i guasti prodotti da una politica nazionale che, nonostante il gran parlare di federalismo, nei fatti ha vanificato le leggi dei primi anni Novanta orientate a dare maggiore autonomia agli Enti locali.  «In questa situazione - hanno detto - l'Unione dei Comuni diventa uno strumento fondamentale per mettere in rete i servizi e ottenere quelle sinergie necessarie per spendere meno evitando di tagliare sulla quantitá e la qualitá dei servizi ai cittadini». (v.a.)