La mela avvelenata del referendum elettorale dinanzi alla Corte Costituzionale