Coronavirus, Germania verso stop a restrizioni per i vaccinati già nel weekend. Gran Bretagna verso la fine del distanziamento dal 21 giugno

I casi di Covid nel mondo sono quasi 152 milioni secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati superano i 3,2 milioni dall’inizio della pandemia.

La Germania allenta le restrizioni per gli immunizzati probabilmente già dal prossimo weekend. Secondo quanto anticipa la Bild, le misure sono state concordate dai gruppi parlamentari dei partiti di governo, Cdu/Csu e Spd. Quando entreranno in vigore, gli immunizzati non dovranno rispettare il coprifuoco notturno, delle 22 e delle 5, che si applica nella maggior parte del Paese. Non dovranno presentare test rapidi negativi per accedere a negozi non essenziali e ad altri servizi (musei e parchi di divertimento, tra gli altri) e non dovranno rispettare le regole di quarantena. Inoltre, gli immunizzati potranno incontrarsi senza limitazioni e non conteranno nei calcoli generali delle restrizioni.

Gran Bretagna: ipotesi cancellare il distanziamento
Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto che ci sono «buone possibilità» di poter eliminare per il 21 giugno l'obbligo di mantenere la distanza di almeno un metro per prevenire i contagi da Covid.  Johnson ha però frenato sulla ripresa dei viaggi turistici all'estero dal Regno Unito, confermando l'intenzione di aprire qualche spiraglio dal 17 maggio, ma con cautele e limitazioni rigorose per non alimentare il rischio connesso alla varianti del virus e alla possibilità di reimportare casi di Covid dall'estero.

«Vogliamo fare qualche apertura» in materia di viaggi dal 17 maggio, «ma non credo che la gente di questo Paese voglia vedere un afflusso di malattie da ovunque altrove, e certamente non lo voglio io», ha affermato il primo ministro Tory britannico parlando ai giornalisti a margine di una visita a Hartlepool, in Inghilterra, a tre giorni dalle elezioni locali di giovedì 6. Sulla questione legata all'intenzione attribuita al governo di stilare una “lista verde” di Paesi stranieri a più basso rischio verso i quali poter riprendere a viaggiare per turismo dopo il 17 maggio, Johnson ha invece precisato che un annuncio al riguardo sarà dato «quando possibile». 

Riaperture in Francia
Fine dei divieti di viaggio e parziale rientro in classe degli studenti delle scuole medie e superiori: le misure anti-Covid iniziano ad allentarsi da oggi in Francia, che vive un lento ma graduale calo dei ricoveri. Alla vigilia di queste riaperture il numero di pazienti nelle unità di terapia intensiva è rimasto stabile a circa 5.600 pazienti, dopo diversi giorni di lento declino, secondo i dati di Public Health France.

Bruxelles: allentiamo restrizioni per viaggi turismo 
La Commissione propone agli Stati membri di allentare le attuali restrizioni sui viaggi non essenziali (come quelli per turismo) nell'Ue, tenendo conto dei progressi delle campagne di vaccinazione e degli sviluppi della situazione epidemiologica a livello mondiale. Bruxelles propone di consentire l'ingresso nell'Unione per motivi non essenziali non solo a tutte le persone provenienti da Paesi con una buona situazione epidemiologica, ma anche a tutte le persone che hanno ricevuto l'ultima dose raccomandata di un vaccino autorizzato dall'Ue. «È tempo di rilanciare l'industria del turismo e di riavviare le amicizie frontaliere in sicurezza- ha scritto la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, su Twitter- Ma se emergono varianti dobbiamo agire in fretta: proponiamo un meccanismo di freno d'emergenza Ue».

(fonte: La Stampa)