Covid, il bollettino di oggi 12 ottobre: 2494 casi, 49 morti e tasso di positività che cala allo 0,8%

Sono 370 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 4 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite

Risalgono da 1.516 a 2.494 i contagi ma con il tasso di positività che scende di mezzo punto allo 0,8%. Si contano altri 49 morti mentre sonon4 in meno i ricoverati nelle terapie intensive e 23 nei reparti di medicina.

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus

Salgono da 86 a 306 i casi in Lombardia dover però il tasso di positività resta stabile allo 0,5%. Contagi in rialzo da 109 a 189 anche in Piemonte, con il tasso di positività inchiodato allo 0,6%. I nuovi casi positivi di Covid-19 in Veneto salgono da 156 a 348 nelle ultime 24. Il Bollettino regionale riporta anche 4 decessi, per un totale di 11.798 vittime. Salgono i dati negli ospedali, dove vi sono 203 ricoverati in area non critica (+5) e 38 in terapia intensiva (+1).

Scendono da 162 a 135, età media 41 anni, i nuovi casi di Coronavirus in Toscana dove oggi si registrano altri 4 decessi: tre uomini e una donna con un'età media di 90,5 anni, tutti nella provincia di Firenze. I ricoverati sono 232 (13 in meno rispetto a ieri), di cui 25 in terapia intensiva (stabili). Oggi in Puglia sono stati individuati 118 nuovi casi di Coronavirus contro i 76 di ieri, su 12.299 test (0,95% positività), e si registrano 7 decessi. Delle 2.312 persone attualmente positive 135 sono ricoverate in area non critica e 20 in terapia intensiva. Balzo dei positivi in Calabria nelle ultime 24 ore: sono 170 i nuovi casi riscontrati a fronte dei 65 di ieri. Processati 2.983 tamponi, circa il doppio rispetto a ieri, ma anche il tasso di positività cresce passando dal 3,94 al 5,70%. Nessun decesso da registrare. Continua il calo dei ricoveri nei reparti di cura, -6 (101), mentre c'è un ingresso in più nelle terapie intensive (11).

Dal Viminale arriva una sonora bocciatura della proposta di elargire gratis i tamponi ai non vaccinati. «Ammesso e non concesso che ci sia 1 miliardo a disposizione, userei queste risorse per aiutare le famiglie che hanno avuto decessi a causa della pandemia. Va bene che si arrivi a prezzi calmierati per i tamponi, ma i vaccini sono gratuiti. Chi oggi non ha il green pass è un no vax». È quanto ha affermato il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia, commentando a Skytg24 la proposta avanzata da Beppe Grillo di garantire i tamponi gratuiti ai lavoratori.

Un giudizio supportato anche dal parere degli esperti. «I test tampone `fai da te´ per la diagnosi della positività al virus SarsCoV2 hanno una affidabilità ridotta e non credo sia opportuno pensare di utilizzarli ai fini della certificazione del green pass». Lo sottolinea all'ANSA Massimo Ciccozzi, direttore dell'Unità di Statistica medica ed epidemiologia molecolare del Campus Bio-medico di Roma, in merito alla proposta in tal senso avanzata dal presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga. «I test tampone fai da te - spiega Ciccozzi - hanno solo il 50-51% di affidabilità, quindi è come il lancio di una moneta. Ovviamente sono utili in casi di emergenza in cui non si hanno alternative, ma utilizzarli ai fini del green pass per il ritorno al posto di lavoro è inaccettabile». Quanto alla richiesta di alcuni esponenti politivi si estendere a 72 ore la validità anche del tampone antigenico rapido, «penso che anche 48 ore di validità siano troppe. Dunque, una validità a 72 ore ritengo non abbia validità dal punto di vista epidemiologico e rappresenti, al contrario, un rischio». Il tampone infatti, chiarisce l'esperto, «fornisce un dato relativo a qual momento circa la positivita o negatività al virus di un individuo, ma è ovvio che nell'arco delle successive 48 e ancora di più 72 ore ci si possa infettare. A 72 ore, naturalmente, le probabilità di infettarsi sono ancora maggiori. Capisco che si tratti di un problema economico e di costi per i lavoratori non vaccinati che devopno sottoporsi a tali test, ma dal punto di vista epidemiologico l'estensione della durata della validità del test non è opportuna».

Intanto il nuovo report dell’Aifa sulla farmacovigilanza conferma la sicurezza dei vaccini. Nel periodo tra il 27 dicembre 2020 e il 26 settembre 2021, sono 101.110 le segnalazioni di sospette reazioni avverse ai vaccini anti-Covid su un totale di 84.010.605 dosi somministrate (tasso di segnalazione di

120 ogni 100.000 dosi), di cui l'85,4% riferite a eventi non gravi, come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari. Le segnalazioni gravi corrispondono al 14,4% del totale, con un tasso di 17 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate. Complessivamente, nel periodo 27 dicembre 2020 - 26 settembre 2021, 16 casi di mortalità (3,7%) sui 435 valutati sono risultati correlabili ai vaccini Covid (circa 0,2 casi ogni milione di dosi somministrate), di cui 14 già descritti nei Rapporti precedenti. Lo evidenzia il nono Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini COVID-19 pubblicato dall'Agenzia Italiana del Farmaco. Le rimanenti 2 segnalazioni si riferiscono a 2 pazienti di 76 e 80 anni con condizione di fragilità per pluripatologie, deceduti per COVID-19 dopo aver completato il ciclo vaccinale.

Cala sensibilmente l’incidenza dei contagi nelle scuole piemontesi. I dati dei positivi nelle scuole, negli asili e nei nidi del Piemonte, illustrati oggi in conferenza stampa dal governatore Alberto Cirio con gli assessori Elena Chiorino (Istruzione), Luigi Icardi (Sanità) e Marco Gabusi (Trasporti), sono relativi alla settimana 4-10 ottobre 2021, messa a confronto con quella 4-10 ottobre 2020. L'incidenza ogni 100 mila abitanti è scesa rispettivamente da 55,9 a 36,9 al nido (0-2 anni), da 35,3 a 34,5 alla materna (3-5 anni), da 72,7 a 36,1 alle elementari (6-10 anni), da 99 a 44,6 alle medie (11-13 anni), e da 130,4 a 34,6 alle superiori (14-18 anni). Evidente il forte arretramento del virus nelle ultime due fasce d'età, che includono studenti over 12, quindi vaccinabili. La media dell'adesione alla campagna vaccinale fra gli studenti piemontesi è stata finora mediamente del 70%.

(fonte: La Stampa)