Lo spettro dell’uomo forte sulle democrazie europee