L’ordine, i diritti e la rabbia dei penultimi contro gli ultimi