Non siamo tutti Charlie, caro Zuckerberg

Il fondatore di Facebook aderisce all'iniziativa #JesuisCharlie e assicura libertà di espressione sul proprio social network, ma i fatti dicono altro. Dietro alla campagna di solidarietà in nome della satira libera si nascondono anche ipocrisia e memoria corta nei confronti della censura