Quotidiani locali

Nuvolari protagonista di un “noir”

“1049” di Alessandro Zelioli ed Eugenio Pattacini in libreria a partire da giovedì 

REGGIO EMILIA. Un duplice omicidio, la Mille Miglia, la storia, il mito, la fantasia. Sono gli ingredienti di “1049” (edizioni Epika), il noir scritto da Eugenio Pattacini e Alessandro Zelioli, che sarà nelle librerie da giovedì 22 marzo. Il romanzo, ambientato a Reggio Emilia e Montecchio, oltre che a Firenze e a Napoli, racconta le indagini dell’ispettore Barletta intrecciandole alla vita di Tazio Nuvolari, il “Mantovano volante”, leggenda dell’automobilismo delle origini.

La collaborazione tra Eugenio Pattacini (bancario e giallista, ormai alla sua quinta pubblicazione) e Alessandro Zelioli (collaboratore della Gazzetta di Reggio ed esperto di motorismo d’epoca) è iniziata per caso («Galeotta fu una recensione per la Gazzetta»), ma è sfociata in un libro appassionante e coinvolgente. «Era il 17 febbraio del 2017 – ricorda Zelioli – ero andato alla presentazione di un libro di Pattacini alla biblioteca di Canossa. Affascinato da “En Plein Air”, un noir ambientato nel mondo dei camperisti, gli ho proposto di scrivere un noir ambientato nel mondo della Mille Miglia e con Nuvolari come protagonista. Pattacini stava lavorando a un altro progetto, ma la mattina successiva mi ha telefonato dicendo che accettava di cimentarsi con questo mondo a lui totalmente sconosciuto».

E così i due si sono divisi i compiti: a Zelioli la parte storiografica, a Pattacini il resto. «L’idea – spiega Zelioli – era di scrivere a quattro mani il noir e di inserire le parti storiche in alcune pagine. Strada facendo, però, abbiamo capito che la cosa avrebbe tolto fluidità alla scrittura e anche interesse alla storia. Allora abbiamo realizzato due libri uniti dalla passione, ma di fatto a se stanti. L’editrice Lorella Fontanelli ha poi fatto il lavoro di fino».

Da una parte la fantasia, dall’altra la ricerca. «In questo anno e mezzo – continua Zelioli – ho raccolto volumi, giornali, riviste, foto e tutto quanto potessi trovare su Tazio Nuvolari. Ora – ride – posso dire di avere una collezione interessante». E mentre cercava notizie, la scoperta: «Un amico amante della storia, Franco Boni di Montecchio, mi ha chiesto di accompagnarlo nella canonica di Villa Ospizio per cercare tracce del ricovero di Nuvolari nel 1948 sui libri parrocchiali. Siamo andati, non abbiamo trovato nulla, ma ci hanno messo in contatto con Maria Prandi. È stata lei a parlarci della siringa che poi abbiamo donato al Museo Tazio Nuvolari di Mantova. Lì la storia ha preso una piega incredibile».

Il libro “1049” sarà presentato giovedì (ore 20) alla Cantina Albinea Canali in occasione della “Cena dello sport automobilistico reggiano” organizzata dall’Automobile Club Reggio Emilia. Il romanzo

sarà inoltre presentato al Camer nel fine settimana del 7 aprile, il 20 aprile a Montecchio e in seguito al Fico di Bologna. Il 1° maggio Pattacini e Zelioli saranno a Villa Ospizio per i 70 anni dall’episodio della canonica, e il 5 maggio al Museo Nuvolari di Mantova.



TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik