Quotidiani locali

progetto  

Il dialetto e il luoghi di Vèntãs “fanno scuola” a Roma

Il progetto di Museum Reloaded ha rappresentato la regione Emilia Romagna all'incontro di UnescoEdu, organizzato da Unesco Giovani. 

VENTASSO. Il dialetto di Ventasso conquista Roma. Ed è applaudito anche dal ministro dell’istruzione, università e ricerca Valeria Fedeli e da Paolo Petrocelli, presidente del comitato giovani della Commissione nazionale italiana per l’Unesco.

Il Museum Reloaded di Reggio Emilia ha rappresentato la regione Emilia Romagna all’incontro annuale di UnescoEdu, il progetto nazionale di promozione dei patrimoni materiali e immateriali e della cittadinanza globale promosso da Unesco Giovani (comitato nato un paio di anni fa sotto Unesco).

Tra i progetti presentati, anche Vèntãs, realizzato dal Museum Reloaded – insieme alle scuole primarie e al Comune di Ventasso nell’anno scolastico 2016-2017 – per valorizzare e riscoprire i dialetti di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto. L’obiettivo era quello di rafforzare il legame identitario di studenti e cittadini con i luoghi del territorio di Ventasso, attraverso la rielaborazione creativa del patrimonio culturale dialettale. Il progetto è stato strutturato con un forte carattere partecipativo per creare nel neonato Comune di Ventasso occasioni di coesione sociale e animazione culturale.

Grazie al supporto di docenti, e alla diffusa partecipazione dei cittadini (anziani in particolare, oltre a poeti ed esperti di storia locale) gli studenti hanno potuto conoscere meglio il territorio, rendendosi conto dell’enorme patrimonio culturale a disposizione. Il materiale raccolto è andato a costituire un dizionario illustrato sotto forma di Epub, una pubblicazione digitale interattiva accessibile a tutti, che racconta il territorio di Ventasso attraverso il punto di vista dei giovani studenti. L’epub è scaricabile dal sito www.museumreloaded.it.

Il progetto Vèntãs – che è stato anche oggetto di tesi di laurea in Didattica dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Bologna – proseguirà anche quest’anno con il

supporto del comune di Ventasso, dell’istituto comprensivo Ludovico Ariosto e della Scuola nel Parco. L’obiettivo del 2018: lavorare sui toponimi dell’Appennino per scoprire quali tradizioni si nascondono dietro i nomi dei paesi all’ombra del monte Ventasso.


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro