Quotidiani locali

Quando i missili e le armi si costruivano nelle grotte

All’università si parla delle “Tunnel Factories”, abbandonate nel 1945 Allo Spazio Gerra un incontro sull’archivio storico della fabbrica

REGGIO EMILIA. Tre appuntamenti per conoscere da vicino la storia dell’archivio delle Officine Meccaniche Reggiane, nell’ambito della mostra “Officine Reggiane – Archivio storico. Capitolo 2” allo Spazio Gerra, il progetto di rigenerazione urbana in corso e le motivazioni che lo muovono, con particolare attenzione al rapporto tra salvaguardia del passato e sguardo verso il futuro.

Domani alle 17 lo Spazio Gerra ospiterà un incontro sulla salvaguardia dell’archivio storico delle Officine Reggiane e sugli interventi di recupero del Parco Innovazione con Daniele Marchi (assessore a Bilancio, Patrimonio, Società partecipate e Sviluppo economico del Comune di Reggio Emilia), Luca Torri (amministratore delegato di Stu Reggiane), Giordano Gasparini (direttore della biblioteca Panizzi), Azio Sezzi per Iren e un rappresentante della Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna.

Sempre domani ma alle 10.30, all’università (in viale Allegri), Giorgio Danilo Cocconcelli, autore del libro “Tunnel Factories”, introdurrà il pubblico ai segreti delle grotte del lago di Garda dove dal 1943 al 1945 furono attive le lavorazioni per il settore bellico aeronautico di Fiat e del Gruppo Caproni del quale facevano parte le Officine Meccaniche Reggiane. Quella delle “fabbriche in galleria” (tunnel factories) è una vicenda curiosa e significativa nella storia del Garda. Spostare le linee di produzione dalle fabbriche alle gallerie era un modo per renderle invisibili ai voli di ricognizione degli Alleati ed evitare i bombardamenti.

In questi tunnel venivano assemblate le Wunderwaffen (armi miracolose), tra le quali alcune componenti del missile balistico V2 ma anche piccoli sottomarini, che vennero realizzate dalle maestranze presenti in loco, in particolare nella galleria Adige-Garda in località Torbole sul lato veronese del lago. Lo sfondamento della linea gotica e l’invasione della pianura padana da parte degli Alleati portò gli scontri fin sulle sponde del lago di Garda dove, in quei tunnel, si barricarono i soldati fedeli alla Repubblica Sociale e al Reich. La “Tunnel battle” dell’aprile del 1945 pose fine a tutte le attività.

Domenica alle 16, infine, all’Aereo Club in via dell’Aeronautica 7, Alessandro Ceruti dell’Università di Bologna (dipartimento di ingegneria industriale) spiegherà come molte tecnologie scoperte e collaudate in ambito aerospaziale abbiano importanti
ricadute sulla nostra vita quotidiana.

La mostra “Officine Reggiane. Archivio Storico. Cap. 2” è visitabile dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30. Ingresso libero. Per info: www.spaziogerra.it.



TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon