Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sfida all’ultima canzone con “The human juke box”

Al teatro Valli si esibiranno gli Oblivion, i musicisti più irriverenti del web La scaletta del concerto la decide il pubblico, tra improvvisazioni e parodie

REGGIO EMILIA. Metti una sera a teatro, e non uno qualsiasi: il Valli. Metti che le canzoni del concerto vengano scelte dal pubblico. Metti che sul palco ci siano Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli, ovvero gli Oblivion. Ingredienti perfetti per una notte speciale, ancora di più se l’ultima dell’anno.

Stasera alle 21 i cinque musicisti più irriverenti del teatro e del web (dove il gruppo è partito con le parodie in musica in stile Quartetto Cetra, i famosi “Promessi Sposi in 10 minuti”) porteranno al Municipale il loro “The human juke box”. Una sorta di varietà, in cui sarà dato ampio spazio al pubblico. Un gioco al massacro (assolutamente ironico) delle canzonette e delle opere serie, una playlist impossibile che si compone e scompone seguendo le provocazioni e le indicazioni scritte dagli spettatori. «All’entrata – spiega Graziana Borciani – ogni spettatore scriverà il proprio cantante preferito in un biglietto che metterà in un ampolla davanti a tutti. I biglietti verranno poi raccolti da noi e messi in un sacchetto. Durante lo spettacolo sorteggeremo quello che il pubblico ha scritto e lo proporremo come piace a noi: abbiamo un repertorio molto vasto, quindi sbizzarritevi». Cinque contro tutti, dunque, dando fondo al repertorio e provando ad ampliarlo sul momento, passando dai Ricchi e Poveri ai Rapper, da Ligabue ai Cori Gospel, da Morandi ai Queen, tutte le canzoni senza farne nessuna. E se dovesse capitare un cantante sconosciuto, nessun problema: «In quel caso improvvisiamo».Lo spettacolo inizia alle 21. Il teatro aprirà alle 20. Biglietti: 35 euro, 30 euro, 20 euro. Durata: un’ora e 40 senza intervallo.