Quotidiani locali

MUSICA

Il ritorno a casa di Vinicio Capossela: «Concerto di Natale al Fuori Orario»

Gattatico, lo ha annunciato il cantautore sul suo profilo Facebook 

GATTATICO. Il suo 17esimo concerto di Natale al Fuori Orario nell’anno ’17 non poteva che essere annunciato tenendo conto di questa casualità quasi alchemica. E così, alle ore 17 del 17 novembre, Vinicio Capossela ha pubblicato sulla sua bacheca Facebook la “buona novella”.

«Annunciazione, Annunciazione! – queste le sue esatte parole – Oggi, venerdì 17 novembre alle ore 17, annunciamo il nostro 17esimo concerto di Natale al Fuori Orario di Taneto di Gattatico, il prossimo lunedì 25 dicembre 2017.

La ritualità era stata interrotta negli ultimi anni, ma questo 2017 è come una specie di battigia sulla quale vengono a deporsi onde che hanno preso l’abbrivio in tempi e luoghi lontani e così – tra i tanti tesori che ci ha consegnato – a dicembre ci porterà l’incenso, la birra e uno scrigno in cui è viva una storia di vent’anni. Storia fatta di lucine, treni che passano fuori, furor di pogo, tumidi abbracci, ritrovamenti, swing sfrenato, ipnosi di galline, maghi di Los Angeles che cantano Fairytale of New York.

Aggita! Campanelle! Una specie di favola, la cui unica morale è: Tutto è bene ciò che non finisce mai. Buone feste». Firmato V.

L’annuncio arriva dopo una serie di letterine scritte a Babbo Natale per avverare un desiderio di tanti: festeggiare nuovamente il Natale al Fuori Orario con Vinicio.

La prima – per ordine cronologico ma anche importanza – era stata quella di Franco Bassi, storico fondatore del Fuori Orario di Taneto e grande amico di Vinicio. «Carissimo Sante Nicola, perdona questa mia, scritta in età da andropausa, ma evidentemente è vero che diventando vecchi si torna un poco bambini e si compiono gesta inconsulte.

Sono qui ad esprimerti un desiderio che cova sotto le ceneri da oltre tre anni. Vorrei tanto poter rivivere, ancora una volta almeno, le emozioni di un grande concerto di Natale al Fuori Orario. Sarebbe il diciassettesimo, proprio nell’anno in cui il 17 è stato per noi il numero ispiratore dell’esercizio alla Rivoluzione, al moto contrario, alla ri-creazione, sperimentato allo Sponz Festival e poi diventato motto quotidiano. Io ti chiedo una sera – terminava la letterina –. Il tempo di bruciare insieme una scatola di cerini».

A questa ne sono seguite

tante altre – al coro si è unito anche Alberto Bigi di Arci – e il desiderio è stato esaudito.

Il biglietto costa 25 euro (senza obbligo di tessera Arci). Per info: info@arcifuori.it, francob@studioelpag.it, 0522-671970 o 0521-252120. Prevendite su Ticketone.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista