Quotidiani locali

Reggio Film Festival, è la notte delle premiazioni

La manifestazione termina stasera al cinema Rosebud. Anche il pubblico potrà votare il preferito

REGGIO EMILIA . È la sera degli “Oscar” al Reggio Film Festival. L’ultima serata del festival quest’anno sarà al cinema Rosebud, dove alle 21 verranno proclamati i vincitori della sedicesima edizione del concorso internazionale di cortometraggi. Verranno mostrati i lavori realizzati nel corso dei workshop del Reggio Film Festival (tenuto da Ado Hasanovic e Leonardo Kurz) e poi verranno proiettati i corti scelti dalle varie giurie, ma anche dalla giuria popolare, vale a dire dal pubblico che ha partecipato alle varie serate e che, come tutti gli anni, ha la possibilità di valutare i corti e scegliere il vincitore dalla platea.

La giuria principale di quest’anno è composta da Sandra Campanini, Lorenzo Caravello, Matteo Nucci, Alessandro Di Nuzzo, Mariangela Sansone. Sandra Campanini è responsabile dell’Ufficio cinema del Comune di Reggio Emilia e della programmazione del Rosebud, cinema d’essai che organizza retrospettive, cicli di storia del cinema e incontri con registi. Da anni coordina le attività cinematografiche a Reggio Emilia (proiezioni in piazza, arene estive). Membro dell’esecutivo della Fice (Federazione italiana cinema d’essai) e di Fronte del Pubblico (progetto promosso dalla Cineteca di Bologna). È critica cinematografica e da anni è responsabile della pagina di cinema settimanale sulla Gazzetta di Reggio.

Lorenzo Caravello è fondatore del cineclub Gruppo Cineamatori delle Apuane che dal 1999 organizza festival, corsi di formazione, cineforum e laboratori. In ambito professionale, sottufficiale della Guardia di Finanza, è responsabile della documentazione video (riprese e montaggio) di eventi ed operazioni di servizio significative per la provincia di Massa Carrara. Ha documentato eventi culturali in collaborazione con enti ed associazioni su tutto il territorio nazionale. Autore di circa 60 cortometraggi, spot, videoclip e documentari, ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti nei maggiori festival. È presidente della Fedic (Federazione italiana cineclub).

Alessandro Di Nuzzo è direttore editoriale della casa editrice Aliberti, ha insegnato al master di scrittura creativa della LUISS di Roma e ha fondato e diretto per cinque anni il Festival Ost di Reggio Emilia. Nel 2015, pubblicando il romanzo La stanza del principe, ha vinto il premio Mazara del Vallo Opera Prima per la narrativa.

Matteo Nucci è nato a Roma nel 1970. Ha studiato il pensiero antico pubblicando saggi su Empedocle, Socrate e Platone. Nel 2009 ha tradotto e curato l’edizione einaudiana del Simposio platonico e nel 2013 è uscito sempre per Einaudi Le lacrime degli eroi, saggio narrativo sul pianto nel mondo omerico. I suoi romanzi sono stati pubblicati da Ponte alle Grazie; i suoi racconti sono presenti su antologie e riviste; i reportage e gli articoli culturali sono editi regolarmente su Il Venerdì di Repubblica.

Mariangela Sansone, saggista e critico cinematografico, collabora con diverse riviste del settore, tra cui Uzak, Cineforum, Sentieri Selvaggi, Nocturno, Asian Feast, Orizzonti di Gloria, Mondes Du Cinema. Ha partecipato come giurata a svariati festival internazionali; dal 2016 cura la programmazione della sezione italiana
per il Festival Regards sur le cinéma du monde. Dal 2015 lavora con il Ravenna Nightmare International Film Festival e il Corto Imola International Film Festival, dove ha curato retrospettive ed eventi sul cinema muto, fantastico e neo noir. Ha pubblicato numerosi saggi.



TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista