Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Le pastasciutte antifasciste in provincia

REGGIO EMILIA. Alla caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a Reggio Emilia, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra e...

REGGIO EMILIA. Alla caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a Reggio Emilia, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra e nella morte della dittatura. La Liberazione è arrivata 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze, ma quel 25 luglio, alla notizia che il duce era stato arrestato, la gente si era riversata in strada per festeggiare.

A Campegine, i Cervi e altre famiglie del paese portarono la pastasciutta in p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA. Alla caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a Reggio Emilia, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra e nella morte della dittatura. La Liberazione è arrivata 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze, ma quel 25 luglio, alla notizia che il duce era stato arrestato, la gente si era riversata in strada per festeggiare.

A Campegine, i Cervi e altre famiglie del paese portarono la pastasciutta in piazza, nei bidoni per il latte. Con un rapido passaparola la cittadinanza si riunì attorno al carro e alla “birocia”: tutti in fila per avere un piatto di quei maccheroni conditi con burro e formaggio che, in tempo di guerra e di razionamenti, erano prima di tutto un pasto di lusso. Domani, a Casa Cervi, quella pastasciuttata sarà replicata alle 20. E non mancheranno tante altre iniziative: programma completo su www.istitutocervi.it.

Ma le pastasciuttate saranno anche in altre zone della provincia. Al centro Biagini di Rio Saliceto si parte alle 21 con la consegna di pergamene e medaglie ai partigiani del paese. A seguire, alle 21.30 pastasciutta antifascista offerta dalla locale sezione Anpi. Successivamente si terrà la proiezione del film “Pasta nera” per ricordare quanto hanno fatto i partigiani per liberare il nostro territorio.

Pastasciuttata anche al circolo Arci di Pontenovo di San Polo: si comincia alle 20.30 con l’aperitivo partigiano, alle 21 pastasciutta per tutti (a offerta libera, bevande escluse) e come dessert canzoni partigiane con Tiziano Bellelli.