Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sale l’attesa per la “clasica” tra Scandianese e Arcetana

Domani pomeriggio i padroni di casa animati da una gran voglia di rivalsa se la vedranno contro i cugini che hanno iniziato la stagione alla grande

Scandiano

C’è chi lo chiama “derby del Tresinaro” o anche “derby dei Castelli”: quello di Arceto risale al 10° secolo, mentre Scandiano ha la celebre Rocca dei Boiardo.

Al di là di queste considerazioni storico-geografiche, il duello comunale tra rossoblù e biancoverdi rappresenta un grande classico del calcio dilettantistico.

Domani le due contendenti si daranno battaglia al Torelli di Scandiano, per la seconda giornata di Promozione: calcio d’inizio alle ore 15,30.

C’è già un precedente stag ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Scandiano

C’è chi lo chiama “derby del Tresinaro” o anche “derby dei Castelli”: quello di Arceto risale al 10° secolo, mentre Scandiano ha la celebre Rocca dei Boiardo.

Al di là di queste considerazioni storico-geografiche, il duello comunale tra rossoblù e biancoverdi rappresenta un grande classico del calcio dilettantistico.

Domani le due contendenti si daranno battaglia al Torelli di Scandiano, per la seconda giornata di Promozione: calcio d’inizio alle ore 15,30.

C’è già un precedente stagionale: il 26 agosto, in Coppa Italia, l’Arcetana ha riportato un successo casalingo per 1-0 grazie al gol di Corradini.



«Arriviamo da una trasferta che ha un sapore amaro - spiega il centrocampista Simone Ascari -. La rete di Montorsi poteva darci tre punti meritati, ma l’Atletico Montagna ci ha raggiunti sull’1-1 proprio a pochi istanti dal triplice fischio: per giunta, anche in Coppa l’Arcetana ci ha puniti in extremis. Di certo possiamo contare su un gruppo affiatato e con ottime potenzialità, e i playoff rappresentano un obiettivo ragionevole: quando però arriviamo nelle fasi finali delle partite, ci manca ancora qualcosa in termini di lucidità e concentrazione».

«Domani ci mancherà lo squalificato Sidibeh - prosegue -. Per il resto, non dovremmo avere altre defezioni. Noi saremo animati dalla voglia di riscatto: puntiamo a mostrare in pieno il nostro valore contro un’avversaria di primo piano, che mira ragionevolmente al salto di categoria».

Squalificato fino al 26 settembre il tecnico Emore Iemmi non sarà in panchina.



I biancoverdi hanno iniziato al meglio il cammino in campionato, con il successo casalingo sul coriaceo Vezzano. L'1-0 contro i gialloblù porta la firma di Luca Ferrari, che tuttavia allontana ogni tono trionfalistico: «Siamo ben lontani dal sentirci una fuoriserie - dice l’attaccante dell’Arcetana -. Lo spirito di gruppo rappresenta senza dubbio un punto di forza a nostro favore: inoltre, mister Matteo Vullo sa incentivare molto bene le qualità tecnico-agonistiche di ciascun giocatore. D’altronde la strada da fare resta ancora parecchia, sotto ogni punto di vista».

Al Torelli si vedrà un’Arcetana incompleta: «Purtroppo saremo ancora privi degli infortunati Tavaglione e Spallanzani, mentre Fontanesi è squalificato - spiega -. In compenso, è previsto il rientro a disposizione di Odoro. Prevedo un confronto molto equilibrato: noi siamo caratterizzati da un forte entusiasmo e da un’efficace volontà di costruire gioco, doti che dovranno rimanere inalterate anche nei momenti più complessi della sfida». —