Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Reggio Emilia C5 domina nel test con il Chiozza

REGGIO EMILIAUn primo test arrivato dopo pochissimi giorni di allenamento, ma utile per iniziare a rodare il motore del nuovo Reggio Emilia C5, considerate anche le tante novità del team guidato da...

REGGIO EMILIA

Un primo test arrivato dopo pochissimi giorni di allenamento, ma utile per iniziare a rodare il motore del nuovo Reggio Emilia C5, considerate anche le tante novità del team guidato da mister Cristian Margini.

I granata si sono imposti per 8-1 nell'amichevole andata in scena a Casalgrande, sul campo dello Sporting Chiozza che parteciperà al prossimo campionato di serie C2.

A segno nel primo tempo, concluso sul 3-0, Fation e Valtin Halitjaha oltre ad Avino, mentre nella ripresa si ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA

Un primo test arrivato dopo pochissimi giorni di allenamento, ma utile per iniziare a rodare il motore del nuovo Reggio Emilia C5, considerate anche le tante novità del team guidato da mister Cristian Margini.

I granata si sono imposti per 8-1 nell'amichevole andata in scena a Casalgrande, sul campo dello Sporting Chiozza che parteciperà al prossimo campionato di serie C2.

A segno nel primo tempo, concluso sul 3-0, Fation e Valtin Halitjaha oltre ad Avino, mentre nella ripresa si è scatenato bomber Ruggiero con una tripletta, con Fation Halitjaha ancora in rete così come Ferrari che ha sigillato il risultato finale.

Sabato 8 settembre al pala Bigi (ore 16 circa) il primo test preseason in casa contro un’altra formazione reggiana di serie C2 come Fabbrico.

«Mi è piaciuto il tentativo di riproporre le situazioni provate in allenamento, anche se le gambe non giravano - l'analisi post match di Cristian Margini -. Normale sia così dopo quattro allenamenti, ma i giovani hanno tanta voglia di mettersi in mostra e tendono a strafare, sarebbe strano il contrario. Bisogna imparare ad abbinare l'intensità con la gestione della palla, ma ho visto la giusta aggressività, una caratteristica che ci farà comodo nel corso della stagione».

«Ora serve continuare a lavorare per amalgamare i tanti giocatori nuovi - conclude l’allenatore granata - visto che parliamo di idee di gioco differenti. Molti aspetti sono da curare e migliorare, ma a questo punto della stagione sarebbe preoccupante il contrario». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI