Quotidiani locali

Il montagna 

Per il Gatta un esordio da campioni

Succede tutto nella prima frazione di gioco: il Leguigno superato 2-0 grazie ai gol di Bertuccelli e Malivojevic

TRINITA'. Il Gatta ricomincia da dove aveva finito. Vittoria convincente alla vernice di questo 67° Torneo della Montagna, con un netto 2-0 sul Leguigno che non ammette repliche per Fornili e compagni. I granata portano a casa i primi punti del torneo dal neutro di Trinità (il campo di Casina è indisponibile per la semina del prato) grazie alle reti realizzate nella prima frazione di gioco da Bertuccelli e Malivojevic, la coppia d’oro proveniente rispettivamente dal Val di Vara 5 Terre e dal Rolo. Gli altri esterni del Gatta - il confermatissimo Luca Fava (Biancazzurra), Trocar (Lampo, Promozione pistoiese) e Batchouo (Carignano) – rappresentano un blocco di giocatori già rodati che aiutano alla grande la squadra campione in carica a ripartire con un successo importante. Il Leguigno, al contrario, paga l’assenza di un locale come Rabotti sulla corsia destra, mentre il blocco degli esterni (Benvenuti dal Figline, Zagaglioni dal Grassina, Galuppo dal Lentigione, Habib dalla Bagnolese e Lleshaj dall’Orceana) non ha particolarmente brillato. Soprattutto a centrocampo, la squadra di Casina fatica a costruire azioni importanti. Solo una parentesi durata una ventina di minuti nella ripresa lascia l’idea di una partita aperta a qualsiasi risultato, ma il Gatta, cinico e concreto, serra le fila e porta a casa la vittoria senza grossi sforzi.

I campioni del Gatta inaugurano il Torneo della Montagna TRINITA'. La squadra di mister Bianchi ha superato il Leguigno 2-0 davanti a un pubblico numeroso


La prima frazione di gioco è appannaggio del Gatta, che apre le danze al 6’ con un tiro al volo di Malivojevic sugli sviluppi di un calcio piazzato di Dallari, pallone sopra la traversa. Al 17’ Croci blocca una punizione defilata di Bertuccelli, ma non può nulla al 22’ quando lo stesso attaccante prende palla sulla trequarti, guadagna campo e si apre lo spazio per far esplodere un destro che non trova l’opposizione di alcun difensore. Pallone rasoterra e angolato alla destra del portiere: 0-1. Al 26’ arriva il colpo del ko: ancora Bertuccelli scarica un destro rimpallato sul nascere da un difensore del Leguigno, raccoglie dal limite Malivojevic che pure col destro trova la sfortunata deviazione di capitan Fornili che fa impennare il cuoio per un pallonetto imprendibile per Croci.

Nella ripresa, il Leguigno sembra entrare in campo con piglio diverso: alza il baricentro e schiaccia il Gatta. E’ un fuoco di paglia, perché per i campioni in carica sale in cattedra Luca Fava che neutralizza prima un diagonale di Stefano Falbo e poi vola a negare la gioia del gol ad Habib dopo una splendida rovesciata schiacciata a terra. Finisce così, col Gatta che amministra il vantaggio ed esulta dopo due minuti di recupero.


 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro