Quotidiani locali

Samb e Reggiana, sfida finale in tre atti

Calcio serie C: i marchigiani oggi in campo a Pordenone, mister Eziolino Capuano scalda l’ambiente: «Noi defraudati»

REGGIO EMILIA. Il Padova si prepara alla festa promozione. I biancoscudati oggi cercano la vittoria in trasferta che significherebbe promozione diretta, indipendentemente dal risultato delle altre squadre.

Dietro alla capolista è ancora lotta per assicurarsi i piazzamenti migliori in chiave playoff. La Reggiana sarà spettatrice interessata nella gara tra Pordenone e Sambenedettese.

I marchigiani sono un punto avanti rispetto ai granata. La squadra di Eberini ha bisogno nelle prossime gare di una vittoria per mettere al sicuro almeno il terzo posto dall’assalto di Bassano, Mestre e Feralpisalò, che hanno giocato tutte una partita in più. Con nove punti ancora a disposizione anche il Sudtirol, che è settimo a 46 punti, ha la possibilità di insidiare i granata (che per evitare il sorpasso hanno bisogno di una vittoria e un pareggio).

L’Albinoleffe sarà decisivo in questo finale. Domani la Reggiana sfida i bergamaschi in casa loro e la prossima settimana toccherà ai marchigiani affrontarli. L’Albinoleffe lotta per entrare ai playoff e dunque non saranno partite facili.

Intanto a San Benedetto mister Eziolino Capuano carica l’ambiente. «Questo è il nostro rammarico, questo il rammarico che dovete scrivere. Le nefandezze che abbiamo subito, siamo stati defraudati». La Sambenedettese deve fare i conti con molti infortunati. «Abbiamo un esercito fuori, faccio prima a dire chi sono i giocatori disponibili. Siamo senza Pegorin, Bove, Marchi, Miceli, Esposito e anche Bacinovic».

A Padova hanno lo spumante pronto. «Abbiamo grande voglia di regalare la Serie B - ha detto il mister Pierpaolo Bisi - una categoria che merita, a questa città. I tifosi ci sono sempre stati vicini e la promozione potrebbe infondere grande entusiasmo a tutti. Spero di festeggiare il prima possibile assieme a tutto lo staff e alla società, perché ognuno ha dato il proprio grande contributo. Dovessimo vincere a Fermo mi piacerebbe arrivare all'allenamento in moto. È una passione che mi è nata da tre anni e assieme a mia moglie amiamo girare molto a bordo delle due ruote. Mi sono appena

comprato una Honda stradale, la Hdv, so che non sarebbe professionale ma mi darebbe soddisfazione arrivare al campo in moto. Poi però, assieme allo staff dovrei fare anche un fioretto, magari raggiungere un santuario a piedi, come sempre fatto quando ho vinto gli altri campionati».

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori