Quotidiani locali

rugby eccellenza

San Donà ko, il Conad chiude in gloria

Festa grande al Mirabello per i rossoneri: la sfida finisce 26-20

REGGIO EMILIA. Chiudono alla grande i giocatori del Conad Reggio che difendono il Mirabello dall’armata di San Donà e vincono una lotta ad armi pari, dove l’ago della bilancia non è mai stato a favore di una delle due parti. 26 - 20 alla fine il punteggio che corona i Diavoli il team migliore in campo, con una bella prestazione di carattere contro un avversario mai domo, in corsa fino a ieri per i playoff, riprendendosi anche la rivincita per le scorse sconfitte durante la stagione trascorsa.
I reggiani riescono con questa vittoria a difendere anche la settima posizione dai Medicei che si sono imposti contro Viadana per 18 - 10. In semifinale quindi i Poliziotti, insieme a Petrarca che chiude prima in classifica, seguita da Calvisano e Rovigo.
Parte subito forte San Donà con un attacco forte e determinato, ma il Conad Reggio difende bene con il gioco al piede, riuscendo in più occasioni a scippare l’ovale agli ospiti. Sfuma quindi il primo tentativo di meta per i veneti che comunque si tengono a ridosso dei 22 metri, dopo una spinta con l’ariete alla ricerca dello sfondamento. I biancoazzurri quindi devono accontentarsi solamente di un calcio piazzato che all’8 minuto smuove il tabellino.
La risposta dei Diavoli non si fa attendere ed è di carattere, gli avanti sfiorano la meta, prima con una salita repentina poi con il pacchetto degli avanti che arrivano nell’area di meta anche se non riusciranno a schiacciare l’ovale. Ci penserà comunque Gennari a portare le cose in parità con il piede da cecchino. La lotta continua imperterrita e i veneti ci provano, ma ad avere la meglio ancora una volta sono i reggiani che, nonostante le imprecisioni, si dimostrano più fantasiosi degli ospiti, inanellando un altro calcio ad opera del tre quarti nocetano. Ad avere l’ultima parola del primo tempo sarà tuttavia il capitano biancoazzurro Derbyshire che arriverà all’area di meta schiacciando il pallone.
La seconda parte della gara riprende sul 6 - 10 per gli atleti di Zane Ansell, ma fin dal primo minuto ad essere in attacco sono i rossoneri grazie ad una bella touche trovata da Davide Farolini per i compagni. Il Conad Reggio continua ad attaccare implacabile, arrivando fino ai 5 metri.
A concretizzare poi sarà il Miglior Diavolo in campo, Matteo Dell’Acqua, che sfonderà la difesa per arrivare alla prima marcatura reggiana dell’incontro.
Dopo appena 4 minuti tuttavia è proprio San Donà ad approfittare di un attimo di difesa rossonera fragile.
Il centro Iovu trova la meta del sorpasso. La palla rimbalza, rotola e passa da una parte all’altra, senza trovare un vero padrone. Sono ancora una volta i padroni di casa tuttavia a cercare di ritornare in supremazia di punteggio, ma arrivano solamente i punti al piede di Gennari. Mentre le Fiamme Oro dilagano al Gelsomini sulla Lazio, i veneti lottano mettendo in campo tutte le armi a loro disposizione per portare a casa più punti possibili, mettendo a segno un’altra bella meta di forza con la mischia, finalizzata da Ros.
Come nell’ultima partita sono comunque gli ultimi 10 minuti di fuoco da parte dei Diavoli a ribaltare il risultato. I reggiani sfiorano la meta al 70’ con Paletta, ma il campo è troppo

corto ed il centro pesarese finisce fuori sulla bandierina.
Non sbaglia invece Alberto Costella che riesce ad entrare in area di meta, trasformata poi da Gennari da posizione angolatissima. A portare il risultato sul 26 - 20 ci penserà la stessa ala emiliana con il suo piede preciso.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro