Quotidiani locali

Calcio a 5 

Impresa Rubierese, la promozione in C1 arriva in anticipo

La squadra di Andrea Grossi ha bruciato i tempi

REGGIO EMILIA. La Rubierese di mister Andrea Grossi pareggiando a Carpaneto Piacentino ha vinto meritatamente con due giornate d'anticipo il campionato di serie C2 tornando così finalmente dopo qualche stagione in serie C1. Da sempre Rubiera è stato uno dei bacini di questa disciplina sportiva nata ad inizio anni '80 poi dopo tante stagioni ad alto livello nella quale la società ha sfiorato anche l'accesso alla serie B nazionale, negli ultimi anni aveva dovuto addirittura lottare ai play-out per evitare la retrocessione in serie D. Un premio meritato per un team che in questa stagione dopo essere partito in sordina, ha saputo restare agganciato alle squadre che come il Due G Collecchio hanno guidato tre quarti di campionato, ma come si sa è l'ultimo mese quello decisivo e la Rubierese non si è lasciata scappare l'obiettivo nonostante l'uscita dalla Coppa Emilia solo dopo i calci di rigore che poteva lasciare il segno.

Oltre ad una squadra coriacea trascinata da un bomber eccelso come Luca Tagliavini oltre che dall’esperto Antonio Di Napoli, il vero segreto è rappresentato da Andrea Grossi.

Grossi, scuola Reggiana calcio a 5, è senza ombre di dubbio il miglior allenatore reggiano che il panorama calcettistico presenti in quanto è l'unico capace di ottenere il massimo dal gruppo e soprattutto sa lavorare con ciò che la società gli mette a disposizione senza mai chiedere di più. A Rubiera non si “rimborsa” nessuno, ecco perché questa è una vittoria che vale doppio e i segreti vanno anche ricercati nel grande lavoro dirigenziale di Roberto Luosi la vera mente organizzativa della squadra, molti team dovrebbero imparare questa politica e forse riuscirebbero a togliersi qualche soddisfazione. Luosi arrivato da giocatore all'inizio della

storia calcettistica del team del suo paese è stato uno dei grandi interpreti di questa disciplina, per tutti era il “capitano”; appese le scarpette al chiodo ha prima allenato poi sempre con grande umiltà ha ricostruito l'ambiente centrando un risultato veramente prestigioso.
 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik