Quotidiani locali

Vai alla pagina su Reggiana calcio
Esame di maturità a Vicenza per la Reggiana

Reggiana

calcio serie c

Esame di maturità a Vicenza per la Reggiana

Alle.20.45 di venerdì sera la sfida contro i veneti allo stadio "Menti"

REGGIO EMILIA. Nella sfida di venerdì sera (ore 20.45), la Reggiana ha un obiettivo su tutti: portare a casa quella vittoria in trasferta che le manca dannatamente in questa stagione. Una stagione iniziata sì col freno a mano tirato ma che, negli ultimi mesi, l’ha vista risalire fino al terzo posto quasi esclusivamente grazie ai successi tra le mura amiche. Anche perché, col calendario che offre solo cinque gare casalinghe su dodici, l’unico modo per provare a mettere pressione alla capolista Padova –o per agganciare e blindare un secondo posto più che mai alla portata- passerà dai punti conquistati fuori.

«Scendiamo sempre in campo per vincere», ha chiarito mister Eberini alla vigilia e sulla stessa onda si era già espresso Ghiringhelli in settimana, caricando i compagni a fare bottino pieno anche lontano da Reggio. Poi, sappiamo che dall’altra parte c’è sempre un avversario che vuole impedirtelo. Tra l’altro, fra i campi storicamente mai violati dai granata figuravano proprio i due vicentini: ebbene, nella vicina Bassano una gran punizione di Riverola (giustiziere anche nell’1-0 dell’andata coi biancorossi) aveva infranto quel tabù a novembre, in quello che però resta l’unico acuto esterno in campionato. Giocare su un tavolo da biliardo come il Città del Tricolore giova senza dubbio a giocolieri come Cesarini e soci, generalmente conferendo loro sicurezza ed autostima nelle giocate, ma con un approccio mentale adeguato è possibile uscire trionfanti anche dal “Menti”, magari sfruttando le difficoltà della squadra veneta davanti al pubblico amico: ultima vittoria interna il 3 novembre con la Samb, poi sconfitte con Mestre, Ravenna e Padova oltre ad un paio di pareggi.

Attenzione però a questo gruppo che ha subìto, uscendone molto compatto, una grave situazione finanziaria a gennaio e, pur cambiando il condottiero in panchina, l’idea del 4-3-3 impostata dall’ex Colombo non è stata stravolta da mister Zanini (4-3-1-2) tanto che l’obiettivo restano i playoff, avendo in organico i vari Comi, Giacomelli, Romizi, De Giorgio, Ferrari, Tassi, solo per citarne alcuni. Loro avranno assenze importanti come Salifu, Crescenzi e lo squalificato Giraudo, ma anche dalla parti di via Agosti ci sono problemi simili con elementi come Rozzio e Napoli fuori, Manfrin appiedato dal Giudice

Sportivo e Genevier non al meglio: al suo posto, tra le opzioni c’è anche Vignali e sarebbe il suo debutto dal primo minuto. Le motivazioni di promozione dei granata possono risultate decisive in questo match che avrebbe meritato un orario migliore di quello infausto deciso dalla Lega.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro