Quotidiani locali

«Due set vergognosi ci hanno condizionato»

Volley serie A2: Paolo Zambolin, vice allenatore della Conad, non ci va leggero dopo la sconfitta al tie-break rimediata nella trasferta in casa dell’Ortona

REGGIO EMILIA. Le è bastato un punto per superare Potenza Picena lasciando il penultimo posto che vale lo scontro per il play-out, un punto arrivato al termine di una prestazione decisamente sottotono ma che «per come si era messa, è andata bene così».

A commentare il tie-break perso in trasferta contro la Sieco Service Ortona è il vice allenatore della Conad Paolo Zambolin che invita i suoi a ritrovare la concentrazione in vista del confronto con l’ultima della classe Mondovì previsto per domenica alle 19.30 al Bigi. Ultimi a 8 punti, i piemontesi sono a -1 da Potenza Picena e a -2 dalla Conad che potrebbe pagare cara un’altra falsa partenza come quella di Ortona.

«I primi due set sono stati vergognosi - commenta, senza mezzi termini, Zambolin - poi per fortuna hanno capito che in ballo c’era anche la loro dignità di giocatori e hanno ricominciato a lavorare».

Domenica da dimenticare, quindi?

«Da dimenticare no, perché abbiamo apprezzato la reazione dei ragazzi al terzo set: certo non siamo felici dei primi due parziali regalati né dei tanti errori che hanno compromesso il tie-break, ma visto che credevamo di tornare a casa dopo un’ora, anche un punto va bene, soprattutto se è bastato per superare Potenza Picena che ha perso a Cantù».

Il mal di trasferta non passa: qual è il problema?

«Onestamente non l’abbiamo capito nemmeno noi ma qualcosa ci deve essere se in trasferta abbiamo vinto una sola partita su quattordici. La partita l’abbiamo preparata bene come sempre sottolineando di spingere in battuta per mettere in difficoltà la debole ricezione di Ortona e così è stato, come dimostra l’ace di Koraimann in apertura. Poi però sono saltati tutti i reparti, dalla ricezione all’attacco».

Dalla panchina le avete provate tutte, dentro anche Tim, Bonante e Cester per cercare la svolta.

«Già, ma quando un set è così compromesso anche chi entra non riesce a fare la differenza. Per fortuna dal terzo la musica è cambiata anche grazie al break in battuta di Ippolito e ai centrali che hanno funzionato molto bene a muro. Peccato solo perché potevano essere almeno due punti, se non tre giocando fin dall’inizio».

Ora ci sono Mondovì e Goia in arrivo al Bigi.

«Dobbiamo sfruttare al meglio il fattore campo in queste due gare che devono portare punti per evitare di ridurci a dover fare risultato in trasferta nell’ultima giornata contro Mondovì. Il Pool B non perdona, i punti dobbiamo farli subito senza sprecare occasioni».

Vietato rotolare

verso sud, negli ultimi due posti.

«Dipende tutto dai ragazzi e dalla loro determinazione: abbiamo una settimana per preparare una gara che per la foga del tifo di Mondovì giocheremo praticamente in trasferta pur essendo in casa: una gara che non dobbiamo sbagliare».

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro