Quotidiani locali

La Conad vince e si esalta al PalaBigi

I reggiani superano Potenza Picena 3 a1, ottenendo così il secondo successo consecutivo e l’ottavo posto in classifica

REGGIO EMILIA. È il regalo di Natale più gradito, l’unico ammesso, quello che la Conad Volley Tricolore si è fatta battendo Potenza Picena per 3-1 davanti a un PalaBigi mai così felice di riabbracciare la grinta dei giallorossi.

La vittoria scaccia-crisi, la seconda consecutiva dopo la trasferta infrasettimanale di Castellana Grotte, è infatti frutto di una prestazione di squadra che porta l’A2 reggiana ad agganciare l’ottavo posto che vale il passaggio nel Pool B: Catania ha perso al tie-break contro Castellana Grotte e si è fatta raggiungere dalla Conad a quota 18 per un ottavo posto condiviso che vale l’ingresso nel Pool B e il -1 da Potenza Picena.

Vinta la gara prenatalizia, ora la Conad si prepara alla gara di Santo Stefano in agenda per le 16 al Bigi contro l’Acqua Fonteviva Massa del capitano dello scorso anno Silva, formazione ultima in classifica ferma a 8 punti in totale tra cui i tre strappati ai reggiani nella gara di andata. Con due vittorie consecutive sulle spalle, a Castellana Grotte mercoledì scorso e contro Potenza Picena ieri, l’approccio mentale ora dovrebbe essere diverso, così come il risultato, per sognare la permanenza nel Pool B.

Tra i protagonisti del trionfo del Bigi da segnalare il coraggio di Ippolito in banda, la precisione di Iglesias al palleggio, l’onnipresenza di Morgese in seconda linea e l’ottima prestazione dei centrali a muro con 15 realizzazioni che condannano i marchigiani: ok la formula è giusta. Nel primo set Potenza Picena si difende fino al sorpasso del 15-16, subito annullato dalla positiva serie di attacchi di Ippolito e Bellini e dalle battute sbagliate di Monopoli sul 20-18 e di Cristofaletti, sul 22-19. Sarà sempre l’errore al servizio di Bisi a chiudere il set per 25-22.

Il secondo inizia con il cartellino giallo a Di Pinto per proteste sul 4-4. Sul 7-8 arrivano poi i fischi dagli spalti per una palla data out con tocco marchigiano non visto dalla coppia arbitrale con risposta immediata del capitano Sesto in veloce e del collega Bortolozzo a muro. Potenza Picena chiama tempo ma la Conad è tornata, l’entusiasmo è quello delle prime gare e il PalaBigi si scalda. La differenza la fanno proprio i block ben assestati dai giallorossi che volano a 11-8. Quando gli avversari si rifanno vivi, prima sul 17-17 e poi sul 21-21, fondamentale è l’ingresso di Held junior in battuta sul 22-21 con il suo tocco flot: le schiacciate finali sono poi di Ippolito e Cester. Il terzo set parte con il tempo di Held sul 3-6 e la grinta del regista Iglesias che chiude la convulsa azione del 4-6 con un pallonetto spinto in zona cinque. Potenza Picena però smette di regalare e sfoggia la sua miglior pallavolo portandosi a 12-17 con l’ace di Bisi
che porta Held a cambiare Cester con l’austriaco Koraimann. Il quarto set infine ha due volti: iniziato in svantaggio (1-5), si trasforma poi nel trionfo di una Conad che prende il largo trascinata dalla grinta di Ippolito: per lui tre ace consecutivi fino al 13-11 e il punto finale.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik