Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Grissin Bon vicina alle Top 16 se batte i Lavrinovic

Decisiva in chiave qualificazione alla seconda fase di coppa, la sfida di mercoledì sera al Bigi con il Lietkabelis

REGGIO EMILIA. Quasi fatta. Con una vittoria mercoledì prossimo nel match casalingo contro i lituani del Lietkabelis Panevezys, la Grissin Bon sarebbe davvero vicinissima alla qualificazione alla seconda fase dell’Eurocup, dove passano le prime 4 del girone. E non sarebbe certo un risultato da poco, vista la qualità delle rivali. Oggi Reggio è terza, con tre vittorie e quattro sconfitte, con gli stessi punti della formazione dei gemelli Lavrinovic. All’andata i biancorossi si sono imposti in Lituania e con un altro successo farebbero il salto decisivo, o poco meno. Anche perché il calendario non è così crudele: il 20 si va a Gerusalemme con una squadra che ha ormai pochissime speranze di qualificazione e il 26 dicembre arriverà a Reggio la dominatrice Monaco, che a quel punto non avrà assolutamente nulla da chiedere al girone. Il Bayern non è squadra da mollare di colpo, ma di certo non metterà in campo tutta l’energia né rischierà eventuali infortunati.

Con una vittoria con i lituani la Grissin Bon salirebbe a 8 punti e il Lietkabelis, oltre a rimanere dietro, sarebbe in svantaggio nel confronto diretto. Considerando che in contemporanea Gerusalemme giocherà a Monaco, dove una sconfitta è almeno probabile, la possibilità di avere due squadre alle spalle in maniera consistente è alta. La grande incognita è il Galatasaray, risvegliatosi dopo la crisi. La squadra è molto forte e lo si visto, da qui alla fine potrebbe infilare diverse vittorie scompaginando le carte. Da un lato rappresenta un pericolo, perché Reggio si trova con una differenza canestri sfavorevole, ma dall’altro è pure un bel vantaggio, perché anche le dirette rivali (Lietkabelis, Podgorica e Gerusalemme) dovranno incocciare i turchi. Anzi, la crescita del “Gala” potrebbe favorire la Grissin Bon per ottenere un miglior piazzamento. I conti però si potranno fare dopo mercoledì, possibilmente con una vittoria in tasca e maggior serenità.

Va ricordato che l’Eurocup prevede 24 partecipanti, divise in 4 gironi da 6 squadre ciascuna. I raggruppamenti iniziali sono gironi all’italiana con andata e ritorno, con 10 gare totali. Le prime 4 di ogni girone accedono alla seconda fase, le Top16, che prevede altri 4 gironi all’italiana con andata e ritorno da 4 formazioni ciascuno. Le prime 2 di questi raggruppamenti vanno poi alla fase ad eliminazione diretta con quarti, semifinale e finale, sempre al meglio delle 2 gare e la differenza canestri a decidere in caso di una vittoria a testa. Dalle Top 16 in poi non ci saranno più vincoli di nazionalità, gli incastri verranno definiti unicamente dai risultati sul campo e quindi si potranno anche incrociare squadre dello stesso paese.