Quotidiani locali

Superata la quota di 2.500 iscritti

I principali candidati al ruolo di lepre sono Salami e Palamini In campo maschile tanti atleti in grado di lottare per il titolo

REGGIO EMILIA. La 22a edizione della Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore ha superato quota 2500 iscritti, primo grande traguardo ottenuto dagli organizzatori della Tricolore Sport Marathon. Dopo aver dato uno sguardo alla top runner femminile, individuiamo gli atleti maschili che sono ad oggi candidati alla vittoria. Per cercare il record della gara gli organizzatori hanno pensato alle classiche “lepri” per impostare una grande andatura sin dai primi chilometri; a recitare questo importante ruolo saranno l’azzurro Marco Najibe Salami, campione italiano sui 5mila e Michele Palamini, primo a Reggio Emilia nel 2013 all’esordio assoluto in maratona. Per ora i top runner saranno il campione italiano in carica Ahmed Nasef (personale di 2h10’59”) e già vincitore a Reggio Emilia nel 2008, il keniano Paul Tiongik, esordiente sulle strade reggiane e specialista della mezza-maratona, attuale recordman della Cortina-Dobbiaco, il ruandese Jean Baptiste Simukeka (due partecipazioni e due secondi posti, quest’anno primo a Lucca e all’Abetone), i marocchini Younnes Zitouni (vincitore nel 2017 della Maratona del Mugello), Tarik Marhnaoui, Tariq Bamaarouf (nel 2017 cinque vittorie di prestigio nella Collemarathon, alla Terre Verdiane, a Bressanone, a Salsomaggiore, alla 50 km di Romagna), gli sloveni Rok Puhar (atleta della nazionale ai mondiali dello scorso anno) e Denis Sketako (campione europeo di triathlon long distance l’anno scorso), Luca De Francesco, campione italiano Master di categoria, Yassine El Fathaoui (campione italiano M35 sui 10 km), Silvio Trivelloni, Giovanni Grano, Alexander Stuffer, Alessandro Donati. Nell’ albo d’oro della maratona reggiana comandano gli atleti africani con nove vittorie del Marocco, tre del Kenia e una per l’Etiopia contro le sette italiane ed una slovena per i maratoneti europei. Nella scorsa edizione a vincere fu il portacolori dell’Aeronautica Militare Francesco Bona che concluse le sue fatiche in 2h14’59”, precedendo il ruandese Jean Baptiste Simukeka di 1’33” e il magrebino Said Douirmi di 2’05”. Il record della gara appartiene al marocchino Lahcen Mokraji con 2h12’29” stabilito nel 2011.

Albo d’oro. 1996 Walter Merlo, 1997-1998 Nicola Ciavarella, 999 Sergio Chiesa, 2000 Emanuele Zenucchi, 2001 Farid El Marrafe, 2002 Roman Kejzar, 2003
Philemon Kipkering, 2004 Paul Lokira, 2005 Mohamed Hajjy, 2006 Philemon Kipkering, 2007 Slimani Benazzouz, 2008 Hamed Nasef, 2009 Teklu Geto Metaferia, 2010 Taoufike El Barhoumi, 2011-2014 Lahcen Mokraji, 2012 Jaouad Zain, 2013 Michele Palamini, 2015 Jaouad Zain, 2016 Francesco Bona.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista