Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

La Grissin Bon cade a Istanbul

Non bastano Reynolds e Wright: il team biancorosso sconfitto nell'arena del Galatasaray 82-72

REGGIO EMILIA. Non bastano i punti di Reynolds (19) e di Julian Wright (16) alla Grissin Bon per fare il colpo nella trasferta di coppa in casa del Galatasaray.  E' un ostacolo troppo alto, infatti, la squadra turca per i biancorossi che difensivamente concedono troppo nella seconda parte del match ad Hardy e soci.

Al via la  grande novità è James White in quintetto con Candi, Della Valle, Markoishivili e e Reynolds.
Si parte ad alto ritmo e Reggio, particolarmente tonica, vola subito avanti: 5 a 0 grazie alla schiacciata di Reynolds e splendida tripla di White.
Ci mette qualche istante il Gala a entrare in gara, ma appena lo fa sono dolori per Reggio che in un niente si fa raggiungere e superare da un violento controbreak di 7 a 0. Markoishvili si vede sanzionare un tecnico, apparentemente inspiegabili e inutili sono le proteste.

I turchi vogliono prendere il volo e, pressando a tutto campo e trovando canestri a ripetizione, si portano sul 12 a 7 alla metà del quarto.

Reggio continua a litigare con il canestro e proprio non si sblocca. Il Gala ringrazia e doppia i biancorossi.

A riportare la Grissin Bon a punti è Della Valle che, nonostante la difesa tosta che gli esterni di casa gli riservano, realizza un canestro in avvicinamento.

Trascinati da un grande Dwight Hardy, i locali tengono ampia la forbice del vantaggio. Una tripla di Markoishvili e un canestro di Wright riportano Reggio sul -4 (20-16) alla prima sirena.

È carico Julian Wright che, sotto una pioggia di fischi, riesce a impattare dopo neppure 2’ del secondo periodo. Reggio è finalmente tornata in palla e Della Valle sorpassa dopo un minutino. Taylor si fa sentire ma un nuovo 5 a 0 di prepotenza dice che a comandare è ancora Reggio. I turchi si rifugiano nella zona e riprendono a lavorare in attacco e si rimettono col fiato sul collo dei reggiani, fino a riprendersi il vantaggio a meno di 40” dall’intervallo, cui s’arriva sul vantaggio 32-29 dei padroni di casa, grazie al cesto messo dalla guardia Alex Renfroe.
Due poderose schiacciate di Reynolds a inizio ripresa danno l'illusione che Reggio non sia intenzionata a cedere. È sempre del lungo, fulcro dell’attacco reggiano, l’appoggio del pareggio (36 pari al 3’).
Il match procede in una situazione di sostanziale equilibrio che il solo Hardy, attorno alla metà del quarto, riesce a spezzare. Immarcabile per gli esterni reggiani, la guardia americana autografa in serenità il + 3 (46-43) al 6'.

Con un efficace Julian Wright, la Grissin Bon impedisce la fuga turca, senza però riuscire a ricucire lo strappo. E' lì, Reggio, costantemente a un possesso dagli avversari fino alla tripla di Mussini al 2’ del quarto decisivo che vale il 59 pari. Fa male, il rapido 7 a 0 turco che segue scaturito da una decisa stretta difensiva e dalla verve dei tiratori cui troppo i difensori ospiti concedono. Reynolds stoppa il break ma la gara è tutta del Gala che domina sui due lati del campo. Quando Hopson segna un gran canestro al 6’, i punti di vantaggio diventa 11 e lì, di fatto, scende il sipario, nonostante il brivido della tripla di Llompart al 7’ del momentaneo -6.
La gara si chiude sull'82-72 con la Grissin Bon che non riesce a mantenere la differenza canestri a proprio favore.