Quotidiani locali

Grissin Bon nella tana del Galatasaray per fare l’impresa

Con una vittoria i reggiani vedrebbero il passaggio del turno I turchi se perdono devono dire addio alla competizione

REGGIO EMILIA. Continuare la marcia. Dopo la pausa e dopo la sconfitta in volata con Milano, oggi pomeriggio a Istanbul la Grissin Bon torna al ritmo forsennato di questi mesi, e torna sul palcoscenico su cui sinora si è espressa meglio, l’Eurocup. Alle 18 sul campo del Galatasaray i biancorossi proveranno un’impresa esterna che potrebbe regalargli la qualificazione o poco meno. La rivale è in bilico, dopo uno strampalato inizio di stagione. Il Galatasaray è partito come una delle grandi favorite della competizione, in cui tornava dopo un anno in Eurolega, ma sinora ha faticato moltissimo, ha già cambiato diversi elementi e ora si trova inaspettatamente in fondo al girone di coppa. Oggi per i turchi è il dentro o fuori: vincendo si terrebbe viva una speranza di passare il turno, seppur flebile, perdendo saluterebbe definitivamente la compagnia. Sinora sotto pressione la formazione di Istanbul ha risposto malissimo, ma ormai è arrivata al momento decisivo e i giocatori dovranno quantomeno dimostrare dignità e orgoglio. Soprattutto davanti ad uno dei pubblici più caldi e movimentati dell’intero continente. E il talento non manca, con tanti muscolari sotto canestro come Hendrix e Summers, un realizzatore di primissima fascia come Hopson e un grande professore di basket, lo slavo turchizzato Preldzic, artista offensivo come pochi. Insomma, una bella sfida per questa Grissin Bon molto cambiata dopo la sosta, con gli innesti di White e Llompart e il recupero di Reynolds uniti alla possibilità di schierare anche il francese Sanè, fra i più brillanti prima della pausa. In campionato Reggio ha il limite dei 5 stranieri, con Milano Sanè è dovuto rimanere seduto ma in Eurocup questi vincoli non esistono e Menetti potrà contare su un reparto lunghi bello corposo, con 4 stranieri tutti utilizzabili e miscelabili fra loro. Un lusso, dopo un mese di infortuni e rotazioni ristrettissime. Anche questa sarà una sfida. Reggio ha reagito benissimo alla sfortuna infilando 3 vittorie in fila a novembre nonostante i guai, con Milano ha sfiorato il successo e ora si trova comunque con una rosa nuovamente lunga e completa. Nessuno se ne può lamentare, ovviamente, ma ora si ripropone anche il tema della gestione dei minuti, degli umori, dei tiri, con un assetto orma chiaro, che vede Mussini spostato principalmente nel ruolo di guardia di riserva e un registra straniero (ora Llompart, ma tornerà Wright) da affiancare a Candi. Il Galatasaray, con la forza del suo palazzo e dei suoi tifosi, sarà un bel collaudo.
Per la tecnica, la tattica ma pure per la testa. Dopo 3 vittorie e il riposo, la Grissin Bon ha perso con Milano, è vero, ma si è trattato per molti versi di una mezza vittoria, che deve servire da stimolo e non come un’occasione per rilassarsi. (adr.ar.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista