Quotidiani locali

Neppure il calendario va in aiuto alla Grissin Bon

Il 2017 si chiude con le dure gare a Venezia e Torino e la sfida al Bigi con Varese Fiducia per il capitano Riccardo Cervi che dovrebbe ritornare in campo a gennaio

REGGIO EMILIA. Con la certezza di aver perso due punti d’oro, la Grissin Bon ha archiviato la sconfitta di domenica pomeriggio con Milano. Il focus, ora, è tutto sulla proibitiva trasferta nell’arena di fuoco del Galatasaray in agenda alle 18 di domani sera a Istanbul, ma non si può ignorare come la situazione nella classifica della serie A sia preoccupante.

In nove giornate, la formazione di Menetti ha festeggiato solo due volte (strabordante vittoria interna con Pistoia e successo esterno con Cremona), per il resto solo sconfitte e il tristissimo ruolino di marcia la pone ora ultima assieme a Brindisi. Doveroso sottolineare però che altre cinque squadre (Pistoia, Pesaro, Trento, Varese e Cremona) sono ammucchiate sul gradino sopra le due cenerentole, con sei punti in saccoccia a testa. Ai reggiani potrebbe quindi bastare un successo per levarsi dalla vergogna dell’ultimo posto.

Sabato i biancorossi sono attesi alla dura trasferta al Taliercio contro la Reyer, inacidita dalla sconfitta di sabato sera ad Avellino all’overtime.

In campionato, la Grissin Bon tornerà poi in campo sabato 16 per una sfida assolutamente da non fallire: al Bigi sbarcherà infatti Varese che, come la Grissin Bon, naviga in acque agitate e non può permettersi passi falsi.

I biancorossi non giocheranno il giorno di Santo Stefano ma anticiperanno a sabato 23 la trasferta nella tana della Fiat Torino, altra gara sulla gara estremamente comoplicata. Salvo cambiamenti nel calendario si tornerà poi in via Guasco martedì 2 gennaio quando è attesa Cantù. Al Bigi si disputerà anche lo scontro con Brindisi domenica 7, mentre il girone di andata si chiuderà a Bologna il 14 gennaio con il sempre sentitissimo derby con la Virtus.

A gennaio dovrebbe rientrare il capitano Cervi, domenica in parterre ad assistere al big match contro l’EA7, in cui nonostante le lacrime nel finale la Grissin Bon, rinnovata e fortificata, ha dimostrato di poter dire la sua.

La priorità, ovvio, è rialzarsi dal fondo il prima possibile. Ma va però detto che, classifica alla mano, la matematica ancora non condanna i reggiani a star fuori dalla Final Eight di Coppa Italia per quanto sia oggettivamente difficile al momento pensare di staccare il pass per la manifestazione che vede in campo le
prime otto classificate del girone d’andata. Nelle ultime stagioni, in linea di massima, la quota d’accesso alle finali per il trofeo s’è assestata a quota 14 punti: risultato che, almeno teoricamente, i biancorossi possono ancora raggiungere. Ma significherebbe non sbagliare davvero più.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista