Quotidiani locali

Vai alla pagina su Reggiana calcio
La Reggiana ha ritrovato i suoi gioielli

Reggiana

La Reggiana ha ritrovato i suoi gioielli

Ora che hanno trovato l’intesa Altinier e Cesarini sono un tandem offensivo tra i più forti del campionato

REGGIO EMILIA. Tramutare fischi e mugugni in scroscianti applausi in poco più di un mese. È questo quello che ha fatto la coppia d’oro della formazione granata, perché nella Reggiana che ha cambiato marcia in modo netto dal mese di novembre c’è la firma indelebile del tandem di attaccanti composto da Altinier e Cesarini. I due giocatori rappresentano un vero e proprio lusso per la categoria, soprattutto dopo un fisiologico periodo di adattamento ognuno alle caratteristiche dell’altro. E ora che queste caratteristiche collimano al meglio, la Reggiana non si preclude più nessun traguardo.

Nei primi mesi della stagione i due giocatori hanno fatto molta fatica a trovarsi in campo, complice anche una Reggiana che giocava in modo diametralmente opposto rispetto ad ora. Cesarini si è perso largo sulla fascia sinistra, con i piedi quasi sulla linea laterale e impegnato più a dover rincorrere gli avversari in fase difensiva che ad accendersi in avanti, con una squadra che subiva passivamente il gioco degli avversari. E un Altinier costretto a fare quasi il mediano, giocando sempre spalle alla porta sul cerchio del centrocampo, provando a ricevere i lanci dei compagni, coprire il pallone, provare a subire fallo allentando così la pressione avversaria nell’area dei granata. Di certo non l’Altinier che i tifosi reggiani conoscevano, abituati a vederlo da avversario mettere sempre la palla in rete al Città del Tricolore.

Adesso però qualcosa è cambiato. I giocatori in campo si cercano costantemente e spesso si trovano mettendo in seria difficoltà le difese avversarie, che rischiano sempre di avere la “coperta corta”. Perché se si concentrano sul marcare il Mago Cesarini, concedono inevitabilmente spazio al Duca Altinier, che è tornato ad essere il cecchino infallibile che tutti conoscevano. È cambiata la Reggiana, ma soprattutto sono cambiati loro. Cesarini ora gioca a tutto campo, ha ritrovato la verve della scorsa stagione, segna con continuità e crea per i compagni, mettendo lo zampino in tutti i gol della Reggiana. Altinier invece è tornato a fare l’Altinier. Un attaccante che da tempo non si vedeva a Reggio Emilia, sempre vicino all’area di rigore e sempre pronto ad attaccare la profondità per mettere in difficoltà le difese avversarie. Cesarini e Altinier sono come Batman e Robin, ognuno compensa nel migliore dei modi le qualità del compagno e, infatti, è svoltata in modo evidente anche la produzione offensiva della Reggiana. I granata fino a poche settimane fa erano uno dei peggiori attacchi dell’intera serie C, mentre ora riescono a trovare la via del gol con tantissima continuità. E adesso nessuno ha voglia di rallentare la rincorsa verso le posizioni di vertice della classifica, perché con i gol di una delle coppie più forti dell’intera serie C nessun traguardo è più pregiudicato.

Nelle ultime stagioni a Reggio non si era mai visto un giocatore con le caratteristiche di bomber d’area di rigore come Altinier e, probabilmente è proprio quello che è mancato l’anno scorso per fare l’ultimo e decisivo gradino.

L’ultimo giocatore visto in granata con questo tipo di caratteristiche è stato Rachid Amra nella stagione 2015/16, ma l’attaccante marocchino, che nel corso della propria carriera ha sempre segnato con regolarità, a Reggio agiva molto lontano da quello che è il suo “habitat naturale”, chiudendo il campionato con sole dieci reti all’attivo.

Nell’ultimo mese di campionato lo staff tecnico granata ha

messo il giocatore nella condizione di poter rendere al meglio e i numeri sono lì a testimoniarlo, perché Cristian Altinier ha ricominciato a mettere il pallone in fondo al sacco con regolarità, invertendo il trend di inizio anno quando aveva smarrito tranquillità e certezze.
 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista