Quotidiani locali

«Abbiamo regalato 5’ agli avversari»

L’amarezza del ds Frosini: «Non dobbiamo più commettere un simile errore»

REGGIO EMILIA. Un po’ di amarezza per il finale di gara contro Milano, le speranze si sono spente per due volte sul ferro nell’ultima azione ma il ds Alessandro Frosini preferisce guardare alle cose positive: «Riuscire a essere pari a Milano a pochi secondi dalla fine, un mese fa sarebbe sembrata una cosa impossibile. Nelle scorse settimane abbiamo lavorato forte sul mercato per cercare di essere competitivi e a quanto pare lo abbiamo fatto bene».

Cosa le è piaciuto?

«Abbiamo mostrato carattere rimontando un paio di volte. Anche l’ultima azione per il tiro da tre di Markoishvili direi che è stata costruita molto bene. In difesa abbiamo lavorato bene ma solo per 35’».

Cosa non le è piaciuto invece?

«La difesa a inizio secondo quarto quando abbiamo lasciato scappare Milano. Cinque minuti che non si possono regalare a un simile avversario se vuoi vincere. Mercoledi in Turchia non dobbiamo ripetere questo errore».

Nell’ultima azione ha visto qualche fallo sull’ultimo tiro?

«No. White ha preso il rimbalzo ma anche Write ci stava arrivando e si sono infastiditi a vicenda, forse si sono toccati e il tiro non è uscito bene. Peccato perché penso che tutti i tifosi in quel momento abbiano sognato la vittoria».

Ci sono state diverse proteste per le valutazioni arbitrali sugli antisportivi. Sia per quelli fischiati alla Grissin Bon che per quelli potenziali non fischiati a Milano. Cosa ne pensa?

«Direi che l’arbitraggio è stato buono. I nostri ci stavano, quello di Reynolds era palese. Forse su Candi ci poteva stare un antisportivo a Cinciarini a metà campo ma gli arbitri han fatto le proprie valutazioni e non possiamo lamentarci».

Come le sembrano gli inserimenti di Llompart e White?

«Non è mai
facile entrare in un gruppo ma direi che l’inizio è buono. White ha dimostrato di avere ancora qualcosa da dare al basket, Llompart è un play vecchio stampo che nonostante qualche errore, ha giocato una discreta partita dimostrando di saper attivare i compagni». (r.b.)



TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista