Quotidiani locali

L’appello di ultras e Cervi «Ragàs, tutti al pala Bigi»

Basket serie A, domani la Grissin Bon alla sfida del non ritorno con Pistoia

REGGIO EMILIA. Lo schiaffone preso all’Audi Arena dal Bayern andrà messo nel dimenticatoio alla veloce. Scesa dall’areo proveniente dalla Baviera poco prima dell’ora di pranzo di ieri, la Grissin Bon ha raggiunto Reggio nel primo pomeriggio per ritrovarsi poi al Bigi già alle 17.30.

È stato un leggero allenamento di scarico, certo, quello che hanno svolto i biancorossi in via Guasco, ma è stato ugualmente importantissimo perché si è cominciato a ragionare in chiave Pistoia.

Il tempo per preparare il big match di domani sera è ridotto al mimo ma il pesante 0/6 che si legge nella graduatoria della serie A a fianco della casella della Grissin Bon impone la massima attenzione.

Senza mezzi termini, la partita che si giocherà domani sera in via Guasco è una finale. Da più parti, già da giorni, si alzano voci preoccupate per la situazione di classifica. Voci amplificate dalla cassa di risonanza dei social.

Lo scontento nei confronti del gruppo è infinito e qualcuno chiede pure la “testa” del tecnico Max Menetti, primo imputato per la povertà del gioco espresso dalla formazione reggiana.

A preoccupare è infatti la qualità dell’attacco.

Nonostante le bocche da fuoco non manchino nel roster della squadra, l’organizzazione di gioco latita e mai l’attacco ha dimostrato di riuscire a girare bene, se non - paradossalmente - nei 10’ iniziali della stagione nella tana dei lupi di Avellino. Lì i biancorossi sono però ugualmente caduti, poi gli scivoloni in campionato si sono susseguiti sia in casa sia lontano dal Bigi, non più l’inespugnabile fortino di un passato neppure troppo lontano.

L’acquisto del play Chris Wright che oggi effettuerà la prima vera seduta di allenamento con il team, ha contribuito a dar speranza, ma il sentimento della piazza reggiana anche al di fuori dei forum dei social è di grande pessimismo.

Cominciare a vincere in campionato è assolutamente necessario e il successo deve arrivare già domani contro Pistoia.

Cominciare a vincere diventa vitale, soprattutto dopo che sono stati consegnati due punti a testa a due avversarie di medi-bassa classifica come Pesaro e Capo d’Orlando.

A chiamare a raccolta la città sono stati gli Arsan che già nella notte dopo la mesta partita di Monaco hanno installato alla rotonda dell’Orologio lo striscione: “Nessuna scusa” 11/11/17 ore 20.45 pala Bigi”.

S’è mosso, in tal senso, anche il capitano biancorosso Riccardo Cervi.

Il reggianissimo centro della Grissin Bon è in queste settimane a Siena sotto le mani sapienti del fisioterapista Filippo Borghi che già curò Darjus Lavrinovic e Vova Veremeenko e non potrà essere al Bigi domani sera, così ha deciso di affidare ai social un messaggio. Da vero capitano.

« Il momento non è dei migliori e la voglia di venire al palazzo può essere scesa ed è comprensibile - scriveva ieri mattina su Facebook - però sabato c'è una finale. Una ripartenza che spero possa essere sostenuta dal calore di un Bigi presente e positivo come quando si vinceva. In questi giorni mi trovo a Siena a lavorare come un matto con un professionista molto preparato, non potrò però esserci. I
ragazzi sono sicuro che ci metteranno ogni briciolo di energia e voi potete dare davvero una grossa mano».

Cervi concludeva quindi con l’appello: «Ragàs, tutti al pala!!» che è stato immediatamente condiviso da tantissimi tifosi biancorossi.(l.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista