Quotidiani locali

calcio / promozione 

Il dg del Brescello Carpi conferma la fiducia all’allenatore Piccinini

BRESCELLO. Il Brescello è senza dubbio tra le squadre più sorprendenti del girone A di Promozione: purtroppo però in senso negativo. Dopo le prime 10 giornate di campionato i canarini sono ancora a...

BRESCELLO. Il Brescello è senza dubbio tra le squadre più sorprendenti del girone A di Promozione: purtroppo però in senso negativo. Dopo le prime 10 giornate di campionato i canarini sono ancora a digiuno di successi. Gli ultimi due ko, domenica scorsa a Marzolara e mercoledì in casa con la corazzata Piccardo, hanno aggravato la situazione. Nonostante le aspettative di inizio annata, ora la formazione rivierasca è in piena zona playout con appena 5 punti racimolati. «Per il momento, nessuna mossa eclatante - garantisce il direttore generale gialloblù Beppe Carpi - Prima di procedere a eventuali decisioni drastiche e per certi versi sofferte, abbiamo intenzione di aspettare le prossime tre - quattro partite».

Tuttavia il calendario non sembra affatto amico del Brescello: domenica renderete visita alla Langhiranese terza della classe, poi il 12 ospiterete il Gotico Garibaldina e una settimana più tardi andrete a Medesano. Un’agenda in decisa salita.

«Può sembrare un paradosso, ma questo calendario così impegnativo ci autorizza a essere fiduciosi: il nostro è infatti un organico che sa rendere al meglio proprio contro le maggiori potenze del girone. In entrambi gli appuntamenti, sono certo che la squadra saprà trarre un consistente e prezioso sovrappiù in termini di motivazioni: una prima conferma di tutto ciò è arrivata proprio contro la Piccardo, dove ci siamo battuti con grande onore subendo il gol dell’1-3 soltanto sul finale di gara».

Che cosa non ha funzionato fin qui?

«Una parte dei giocatori, tra cui anche alcuni dei più esperti, stanno manifestando un rendimento ben inferiore alle attese: poi la fase offensiva va certamente rivista e perfezionata, perché 7 gol in 10 partite sono un bottino fin troppo magro. In ogni caso, per ora un punto fermo è dato dall’assoluta fiducia verso il lavoro di mister Gianluca Piccinini e del suo vice Simone Silvestri».

L’impressione è che la panchina sia molto corta.

«In effetti è vero, inutile nascondersi dietro a mezze parole. Rispetto a inizio campionato abbiamo perso Bonardi che si è accasato al Boca Barco, mentre Russo è andato al Fornovo: poi Cornali ha smesso per motivi di lavoro. A Langhirano Gozzi dovrebbe rientrare, dopo la sosta forzata a causa dello strappo alla schiena. Tuttavia, resta il problema relativo alla scarsità numerica delle soluzioni a disposizione del mister».

Quindi a dicembre si tornerà sul mercato?

«Credo proprio di sì: intanto pensiamo a vivere questo
difficile momento con determinazione e serenità, sospinti pure dal supporto del nostro sponsor e presidente onorario James Benelli. Anche lui, come tutti noi, è convinto che il Brescello riuscirà a ritrovare il bandolo della matassa per risalire presto in classifica». (n.r.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista