Quotidiani locali

Vai alla pagina su Reggiana calcio
«Tanti sacrifici per la Reggiana»

Reggiana

«Tanti sacrifici per la Reggiana»

Calcio serie C, Gianfranco Medici su Facebook scrive deluso: «Grazie per il riconoscimento...»

REGGIO EMILIA. Non si placano le polemiche attorno alla società granata dopo l’ennesimo attacco via social network a Stefano Compagni da parte della vice presidente Alicia Rickter. Ad intervenire questa volta è stato Gianfranco Medici, amico da una vita di Stefano Compagni e socio anche nel lavoro dell’ex numero uno granata. Medici, che insieme a Stefano Compagni, Nunzio Annovi e Gianni Perin detiene ancora il 15% della Reggiana, quote che rimarranno in mano ai soci reggiani fino alla fine del mese di ottobre quando sarà fatta la ricapitalizzazione e il presidente Mike Piazza acquisirà il 100% del club granata, si è voluto confrontare con i tifosi che sempre attraverso i social network hanno manifestato l’assenza negli ultimi anni di imprenditori del territorio che hanno deciso di versare somme ingenti di denaro per riportare in alto la Reggiana.

«È vero non mi hai mai visto tirare fuori del soldi - ha esordito Gianfranco Medici che insieme ai suoi soci ha sempre portato avanti le trattative legate al proprio ingresso nella Reggiana prima come sponsor, poi come socio di minoranza fino a diventarne azionista di maggioranza insieme a Stefano Compagni prima di passare il timone a Mike Piazza - dico solo che io e Stefano Compagni abbiamo comprato la Reggiana pagando dei soldi, il molto o il poco è relativo, però abbiamo pagato».

Gianfranco Medici prosegue poi parlando dei finanziamenti e delle fideiussioni che sono state sottoscritte durante il periodo in cui lui e Stefano Compagni sono stati alla guida della Reggiana. Fideiussioni che sono servite per ripianare i debiti della società, perché purtroppo il campionato di serie C non permette a nessuna società di trarre dei profitti, ma ogni stagione il bilancio viene chiuso in negativo: «Abbiamo fatto un finanziamento con delle banche per 1.500.000 euro con cui abbiamo ripianato le perdite, abbiamo rilasciato delle fideiussioni». Dopodiché la società nell’estate del 2016 è stata ceduta a Mike Piazza, che ha acquistato prima il 60% della Reggiana per poi salire all’85% delle quote del club e, dei soldi ricevuti per la vendita, i soci reggiani non hanno intascato nemmeno un euro, poiché quei soldi li hanno utilizzati per diminuire i debiti della società e permettere alla Reggiana di avere un futuro più roseo grazie all’arrivo dell’ex stella del baseball: «Abbiamo venduto l’85% della società a Piazza per una cifra molto alza: zero. Non abbiamo portato a casa un euro e quello che Piazza ha speso è stato messo tutto nella società, per diminuire o azzerare i debiti». La chiusura di Gianfranco Medici è di colui che si è visto voltare inaspettatamente le spalle: «Hai o avete perfettamente ragione, non abbiamo fatto niente. Grazie per il riconoscimento». Tra pochi giorni i soci reggiani usciranno definitivamente dal club
granata, perché come hanno ammesso loro stessi «L’amicizia viene prima di tutto», anche se rimarranno come sponsor perché la loro passione per la Reggiana non scemerà, come dimostrato anche dalla loro presenza sugli spalti durante tutte le partite dei granata sia in casa sia in trasferta.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista