Quotidiani locali

VERSO IL BANDO PER LO STADIO “fratelli campari” 

Chiesti nuovi documenti alla Virtus Bagnolo

BAGNOLO. La premessa è d’obbligo: il bando per la gestione del Fratelli Campari non è ancora stato ufficializzato. Ad aggiudicarselo è stata comunque la Virtus Bagnolo, come da voci, indiscrezioni e...

BAGNOLO. La premessa è d’obbligo: il bando per la gestione del Fratelli Campari non è ancora stato ufficializzato. Ad aggiudicarselo è stata comunque la Virtus Bagnolo, come da voci, indiscrezioni e quant’altro trapelato in queste settimane. Ora la Provincia di Reggio ha chiesto alla Virtus Bagnolo di fornire delle ulteriori documentazioni, il tutto entro il 4 ottobre. In seguito la commissione giudicante si riunirà di nuovo, per procedere poi all'ufficializzazione del bando alla presenza di Bagnolese e Virtus Bagnolo. In seguito, partirà la gestione del Fratelli Campari targata Virtus Bagnolo. Ma precisamente da quando non si sa, dato che pure la tempistica non è chiara del tutto. Si mormora dal primo di novembre, ma un’eventuale proroga non è da escludere. Nel frattempo, le due realtà calcistiche del paese hanno iniziato gli incontri tra di loro. La volontà della Bagnolese è chiara, cercare di restare al Fratelli Campari riconoscendo alla Virtus Bagnolo un affitto relativo sia alle partite casalinghe sia all’attività settimanale. Un “traumatico” trasloco metterebbe in seria difficoltà l'organizzazione sportiva della Bagnolese, il cui blasone non va disperso ed è patrimonio del paese. Pur se differenti tra di loro, Bagnolese e Virtus Bagnolo stanno cercando fare le cose per bene. Al Fratelli Campari ci sarebbe posto per entrambe, ma la Virtus Bagnolo avrebbe comunque la possibilità di fare la voce più grossa. Di positivo, c'è comunque una chiara volontà di apertura al dialogo da parte della Virtus Bagnolo. Alla Bagnolese viene riconosciuta la priorità di categoria alla domenica, l’obiettivo è ragionare in ottica stagione in corso. E ovviamente senza nulla togliere a chi si è aggiudicato il bando, di certo la sua tempistica lascia alquanto a desiderare. Siamo già nel pieno dell’attività stagionale, l'amministrazione comunale poteva pensare ad uno slittamento del bando e presentarlo la prossima primavera per poi aprire le buste in un periodo di più bocce ferme. Poi c’è anche chi sostiene che negli ultimi anni la stessa amministrazione comunale avrebbe dovuto “costringere” Bagnolese e Virtus Bagnolo a trovare un accordo congiunto sulla gestione dell’impianto, evitando di arrivare ad un bando ed escludendo magari un incattivirsi di quella che ora sarà un'autentica trattativa tra le due realtà di Bagnolo in Piano. Si può dire che la Virtus Bagnolo è il nuovo che avanza, con una dirigenza dinamica ed un ampio settore giovanile alle spalle. A breve, le toccherà l'onere e l'onore di gestire al meglio un impianto storico e famoso. La Bagnolese è invece tradizione e storia, la cui ampiezza di quasi centoquattro anni non può lasciare insensibili le varie componenti. La Bagnolese merita rispetto, la recente rifinitura svolta al Fratelli Campari dalla nazionale italiana è il più recente fiore all'occhiello dell'impianto: un evento che ha acceso i riflettori su Bagnolo in Piano, senza
escludere nessuno come ritorno d'immagine e cassa di risonanza. Sperando sia però l'ultima spiaggia, la Bagnolese si sta anche guardando intorno per il reperimento di un campo alternativo. Saltata l'ipotesi Novellara ci sarebbe Casalgrande, ma il problema restano comunque gli allenamenti.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista