Quotidiani locali

«Marchi l’avremmo tenuto volentieri»

Varini, ds dei piemontesi: «Ha voluto lui la cessione. Mister Longo ha visto la Reggiana a Salò, gli è piaciuta molto»

REGGIO EMILIA. Ha preferito non salire a Salò perché «spaventato dalla prevedibile coda al rientro dal lago», ma Massimo Varini della prova della Reggiana ha parlato subito, domenica sera, con il suo allenatore Longo. Presente, lui sì, per vedere i prossimi avversari della Pro Vercelli.

Le referenze di Longo sui granata sono positive. «Mi ha detto – afferma Varini – di aver visto una buona squadra, ma del resto su questo non avevamo dubbi. Per noi domenica non sarà facile».

Longo non può saperlo, ma la differenza del modo di interpretare il calcio tra la Reggiana di Colucci e quella di Colombo?

«Semplice: il campionato scorso adottava per lo più la difesa a tre, quest’anno a quattro, poi le stagioni non sono mai paragonabili, vuol dire poco che in campo c'erano sei-sette giocatori della passata stagione, ogni allenatore ha le sue idee, magari c'è chi un anno fa ha fatto male e farà benissimo o viceversa».

Come si spiega la scelta, in assenza di Bonetto e Bartolomei , di spostare a centrocampo Ghiringhelli e non inserire Lombardo?

«Non me lo spiego, non lo so; probabilmente Colucci in quel momento avrà preferito affidarsi all’esperienza, Lombardo è un ’95, deve ambientarsi ma ha tutte le qualità per fare bene in legapro».

Il pensiero di Varini è già proiettato sul match di domenica prossima.

«Ci teniamo – dice – a vincere per andare a sfidare il Torino; tra le due squadre, anche se antica, c’è una ricca storia, poi il nostro allenatore viene da lì e da ultimo perché andare avanti in coppa Italia ti consente di avvicinarti al campionato con impegni agonistici e non dover ricorrere ad amichevoli. E poi diciamo che Torino è molto vicina a Vercelli, lo spostamento sarebbe breve».

«Pro Vercelli già completata?

«No, faremo ancora qualcosa sul mercato, ma non credo prima di domenica, siamo contenti dei giovani inseriti; con la Reggiana saremo questi; speriamo di recuperare La Mantia, fermo da alcuni giorni per un problemino».

Sarà la partita dell'ex Ettore Marchi…

«Lui ha fatto una scelta, fosse stato per noi, al pari di Schiavone e Coly, non l’avremmo mai ceduto, aveva ancora due anni di contratto, ma ci ha detto di considerare

chiuso il suo ciclo a Vercelli e di voler fare una nuova esperienza».

Per la Reggiana un investimento anche oneroso…

«Di cifre non parlo, so quel che guadagnava da noi e la Reggiana economicamente deve averlo accontentato, diciamo che Grammatica ha fatto un investimento».

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista