Quotidiani locali

Diavoli, subito la carica dei Bersaglieri

Rugby Eccellenza: l’avventura del Conad Reggio inizierà in casa contro i rossoblù di Rovigo campioni d’Italia

REGGIO EMILIA. La Federazione Italiana Rugby ha ufficializzato il calendario di Eccellenza per la stagione 2016/2017. Il campionato prenderà vita il 1° ottobre in casa dei Diavoli proprio con i Campioni d’Italia di Rovigo.

Una partenza tutta in salita quella dei reggiani che dovranno misurarsi fin da subito con il vertice del rugby italiano e dimostrare di avere la stoffa per la categoria.

D’altro canto la forza dei rossoneri è sempre stata il fattore casa e il calore del proprio pubblico, ingrediente importante su cui potrà contare il Conad Reggio in questo primissimo banco di prova.

Se da una parte quindi ci sarà la certezza di una grande affluenza da parte dei fan dei Diavoli e di una forte risposta da parte della città, non c’è ancora la sicurezza del luogo dove avverrà l’atteso match. Il ricorso al Tar per avere la concessione dello stadio Mirabello è ancora in atto e, nonostante il club reggiano abbia vinto il bando indetto dal Comune, non è ancora detta l’ultima parola. Certamente la cornice del Mirabello renderebbe giustizia ad una partita di questo calibro, richiamando inoltre l’esordio di successo che aveva visto il team di Roberto Manghi nel 2011 affrontare il primo incontro di Eccellenza della storia dei Diavoli al Mirabello, proprio contro il Rovigo.

In quell’occasione lo stadio fiore all’occhiello dello sport reggiano aveva richiamato oltre 3000 tifosi, i quali in seguito si erano riversati in strada, appositamente chiusa per l’occasione, per partecipare al terzo tempo.

«Abbiamo fatto ricorso al Tar, poi vedremo – spiega Roberto Manghi, direttore generale del Rugby Reggio – io mi occupo solo della gestione dello stadio. Certamente la prima partita di campionato, contro i campioni d’Italia, avrà bisogno di un luogo importante. Qui alla Canalina sarebbe davvero difficile poter accogliere tre o quattro mila persone, come era successo nel 2011».

Sorpresi di dover affrontare il Rovigo già nel primo incontro?

«Lo sapevamo. È praticamente un’usanza per la prima partita di campionato che la neo promossa sfidi i primi. Ma ma la

nostra partenza in salita non è solo per Rovigo. Tutti i primi quattro incontri sono con squadre che hanno delle grandi ambizioni (a seguire in ordine Mogliano, Fiamme Oro e Viadana). Questo per noi però è uno stimolo. Ci possiamo confrontare fin da subito con il livello alto della categoria».

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista