Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bufera sul Circolo Tennis lascia il presidente Iemmi

Si è dimesso, in polemica, a causa di visioni divergenti sulla gestione del centro Con lui hanno rassegnato il mandato due consiglieri e la direttrice Margaritelli

ALBINEA

“Crisi di governo” al Circolo Tennis di Albinea. Il presidente Renzo Iemmi ha presentato infatti le dimissioni e con lui hanno rinunciato all’incarico un paio di consiglieri (Giovanni Baldi e Simona Davoli) oltre alla direttrice Gianna Margaritelli.



Alla base dello scossone pare esserci una diversa filosofia sul modo di condurre il circolo albinetano che conta diverse centinaia di soci (numerosi i residenti di Albinea ma anche della città e di comuni limitrofi) per cercare di non grav ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ALBINEA

“Crisi di governo” al Circolo Tennis di Albinea. Il presidente Renzo Iemmi ha presentato infatti le dimissioni e con lui hanno rinunciato all’incarico un paio di consiglieri (Giovanni Baldi e Simona Davoli) oltre alla direttrice Gianna Margaritelli.



Alla base dello scossone pare esserci una diversa filosofia sul modo di condurre il circolo albinetano che conta diverse centinaia di soci (numerosi i residenti di Albinea ma anche della città e di comuni limitrofi) per cercare di non gravare sui costi di conduzione e facilitare in tal modo l’adesione di tante famiglie e la partecipazione alle più svariate iniziative.

È stato lo stesso presidente ad annunciare la sua decisione con un messaggio ai soci nel quale ha motivato l’abbandono della presidenza della Asd, la società che si occupa di investimenti e programmi.



«Per incomprensioni – si legge nella nota – su alcuni argomenti, nell’impossibilità di portare avanti l’impegno assunto con voi al momento della elezione, ritengo di non poter proseguire nell’esercizio delle mie funzioni. Vi saluto e vi ringrazio per la fiducia che mi avete accordato».

Un autentico colpo di fulmine che potrebbe rientrare se le due parti a confronto decideranno di ridiscutere la materia ma che per il momento lascia tutto in sospeso. Non resta che affidarsi ai “si dice”.



Il tema alla base del confronto non sembra essere nuovo e riflette due diverse filosofie: da un lato chi vuole che, chiamandosi Circolo Tennis, questa specialità sportiva sia dominante e continui a caratterizzare l’impegno agonistico che in passato ha promosso alcuni atleti di rango elevando il sodalizio ai vertici nazionali. Dall’altro chi ha una visione diversa, indirizzata sì al tennis ma rivolta anche ad altre specialità sportive e a modi diversi di coinvolgere soci e ospiti con altri richiami. Hanno ad esempio catturato l’interesse di ampie platee alcuni appuntamenti di carattere culturale con relatori di fama, così come hanno raccolto molte adesioni le feste dedicate ai giovani, i campi estivi per i ragazzi ed altri progetti.

Due opinioni a confronto ma il dialogo deve aver superato i limiti se alla fine Iemmi è giunto all’inattesa conclusione. Niente di nuovo invece dalla srl, la società che si occupa degli impianti in parte di proprietà e in parte in concessione dal Comune. A questa proposito sta suscitando qualche apprensione il rallentamento dei lavori di ricostruzione del palazzetto dello sport, sospesi in estate e non ancora ripresi. —