Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Carabiniere va a vedere una casa da acquistare e scopre una serra di marjuana dal vicino

La scoperta a Boretto. Il militare era fuori servizio. Nei guai una coppia di giovani reggiani. Sequestrate le piante

BORETTO. Si era preso una giornata di riposo per andare a vedere una casa che aveva intenzione di acquistare. E’ invece dovuto tornare in servizio quando, affacciatosi alla finestra della casa che intendeva acquistare, ha notato nel cortile di una vicina abitazione una serra adibita a coltivazione di marjuana.

Una decina di piante alte oltre un metro amorevolmente curate da una giovane coppia, ora finita nei guai. Con l’accusa di concorso in coltivazione e produzione di stupefacenti i carabin ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BORETTO. Si era preso una giornata di riposo per andare a vedere una casa che aveva intenzione di acquistare. E’ invece dovuto tornare in servizio quando, affacciatosi alla finestra della casa che intendeva acquistare, ha notato nel cortile di una vicina abitazione una serra adibita a coltivazione di marjuana.

Una decina di piante alte oltre un metro amorevolmente curate da una giovane coppia, ora finita nei guai. Con l’accusa di concorso in coltivazione e produzione di stupefacenti i carabinieri di Boretto hanno denunciato alla Procura reggiana un operaio 33enne e la moglie 28enne, sequestrando loro quanto illecitamente detenuto. 

E’ accaduto l’altra mattina, quando un carabiniere libero dal servizio, mentre si trovava nel balcone di un’abitazione che intendeva acquistare, ha notato nel cortile di una casa vicina una serra che riteneva di marjuana, avvertendone anche l’odore.

In attesa dell’arrivo dei militari in ausilio, il carabiniere si è recato nei pressi del muro di cinta dell’abitazione in questione, verificando all’interno della serra l’effettiva presenza di piante di marjuana. All’arrivo dei colleghi, davanti ai proprietari, è stato dato corso a una perquisizione che ha portato al rinvenimento all’interno della serra di una decina di piante di marjuana alte oltre un metro, sequestrate insieme all’impianto di irrigazione.

All’interno dell’abitazione sono stati successivamente rinvenuti diversi prodotti specifici (fertilizzanti e nutrienti per piante) per la coltivazione della marijuana oltre ad un box con impianto di illuminazione a led. Nella mansarda, occultata all’interno di un vecchio mobile, è stata rinvenuta una carabina ad aria compressa calibro di 4,5 risultata di proprietà del defunto padre del 33enne che tuttavia non l’aveva denunciata.

L’arma è stata sequestrata con il 33enne denunciato per detenzione abusiva di armi. I due coniugi sono stati invece denunciati per concorso in coltivazione e produzione di stupefacenti.