Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

A Ceriola di Carpineti il “bosco” di arenarie scolpite dalla forza della natura

Il comitato scientifico del Cai ha effettuato un’indagine e ora si pensa alla valorizzazione di queste spettacolari forme a partire da un sentiero ad hoc

CARPINETI. Enormi massi di arenaria decorati con fascino da millenni di piogge ed esposizione agli elementi. È una zona estremamente suggestiva quella esplorata di recente dal comitato scientifico del Cai reggiano vicino a Ceriola, una piccola borgata carpinetana che da Gatta risale verso il monte Fosola.

Un’area caratterizzata da un fitto bosco “spezzato” da grandi formazioni di pietra arenaria ben conosciute dagli appassionati locali di bouldering, l’arrampicata a mano nude su brevi e compl ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CARPINETI. Enormi massi di arenaria decorati con fascino da millenni di piogge ed esposizione agli elementi. È una zona estremamente suggestiva quella esplorata di recente dal comitato scientifico del Cai reggiano vicino a Ceriola, una piccola borgata carpinetana che da Gatta risale verso il monte Fosola.

Un’area caratterizzata da un fitto bosco “spezzato” da grandi formazioni di pietra arenaria ben conosciute dagli appassionati locali di bouldering, l’arrampicata a mano nude su brevi e complicatissime pareti rocciose. Questi “spuntoni”, non difficili da raggiungere, hanno assunto col passare del tempo un aspetto peculiare, le erosioni hanno creato forme affascinanti e in diversi casi estremamente regolari, come se fossero state levigate con pazienza da un artigiano. Vi sono cavità tondeggianti, sfere che emergono dalla parete, cerchi, solcature a raggi precise ed eleganti. L’origine è invece solo naturale. Gli esperti del comitato scientifico del Cai hanno effettuato diversi rilievi sopra a Ceriola per studiarla nei dettagli.

«Le indagini hanno permesso di accertare che la quasi totalità di queste incisioni ha una esclusiva origine naturale, come attestano talune inconfondibili loro caratteristiche, come ad esempio il margine rientrante nel caso nelle cavità coppelliformi», spiegano ora. Le analisi non mutano l’impatto visivo, anzi: «Quello che invece è emerso con grande evidenza è la spettacolarità di queste forme di erosione che nel loro insieme danno origine ad un autentico parco naturale delle erosioni appenniniche su arenaria: tutti i processi di disgregazione morfologica ad opera degli agenti atmosferici che coinvolgono le arenarie sono qui ben rappresentati e con una ricchissima varietà di forme».

Ora il Cai valuta la realizzazione di «un inedito itinerario delle rocce mammellonate, delle coppelle e delle forme di erosione delle arenarie appenniniche, facendone certamente un luogo di notevole richiamo per l’innovativo turismo geologico». Primo passo creare un sentiero naturalistico delle erosioni appenniniche, in collaborazione col Comune. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.