Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lancia una sedia sui banditi e loro fuggono

La reazione di un cliente interrompe l’assalto al Credem, malviventi armati di cutter scappano con 2.500 euro

BIBBIANO

Assalto alla filiale Credem di Bibbiano. Due i banditi che sono entrati in azione ieri mattina intorno alle 9.30, nella centralissima via Venturi. Una rapina andata a segno nonostante la reazione di due clienti e la goffa fuga dei malviventi: uno è inciampato e ha perso per strada parte del denaro. Il bottino ammonta a circa 2.500 euro.

L’assalto

Sono le 9.30 quando la filiale viene presa di mira. Dentro, nella loro postazione di lavoro, ci sono cinque impiegati. In attesa di essere se ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BIBBIANO

Assalto alla filiale Credem di Bibbiano. Due i banditi che sono entrati in azione ieri mattina intorno alle 9.30, nella centralissima via Venturi. Una rapina andata a segno nonostante la reazione di due clienti e la goffa fuga dei malviventi: uno è inciampato e ha perso per strada parte del denaro. Il bottino ammonta a circa 2.500 euro.

L’assalto

Sono le 9.30 quando la filiale viene presa di mira. Dentro, nella loro postazione di lavoro, ci sono cinque impiegati. In attesa di essere serviti, quattro clienti.

Quando i due entrano, inizialmente, sembrano normali clienti. Invece, pochi istanti dopo il cappellino di uno dei due viene calato sul viso abbastanza per coprirlo. L’altro alza il cappuccio.

Uno dei due ha in pugno un cutter. Ma è il suo “socio”, disarmato, a saltare dall’altra parte del bancone e a mettere le mani nelle casse per prendere il denaro. Il complice, intanto, entra in un ufficio dove un consulente sta ricevendo alcuni clienti. Dura tutto pochi istanti. Il denaro viene messo in un sacchetto, ma l’operazione eseguita dagli stessi malviventi è concitata. E quando il bandito armato spinge una donna che è dentro l’ufficio, fa scattare la reazione dei fratelli: uno dei due gli lancia una sedia. Basta questo per convincere i due banditi a non insistere oltre e a fuggire con quel poco che hanno arraffato, mentre dalla banca gridano loro di uscire.

LA TESTIMONIANZA

«Li ho visti fuggire in direzione della stazione – racconta un giovane che si trovava in via Venturi proprio mentre i banditi scappavano –. Parlavano italiano, uno dei due ha detto all’altro: scappiamo, scappiamo. Ma quello che era dietro è inciampato e ha perso alcune monete, circa cinquanta euro in tutto. Sono stato io poi a raccoglierle e a consegnarle alla banca».

Il giovane afferma anche che uno dei due aveva la carnagione scura. Intanto in banca gli impiegati, una volta rimasti soli e dopo aver chiesto aiuto, raccolgono parte del denaro che i malviventi hanno disseminato in giro.

In via Venturi arrivano i carabinieri della stazione di Bibbiano. Scattano i primi rilievi e la raccolta delle testimonianze mentre su tutto il territorio a cavallo delle province di Reggio e Parma è caccia all’uomo.

IL MALORE

Dopo l’assalto, una delle clienti, una donna di circa 60 anni, a causa della forte emozione si sente male. E dalla banca viene chiesta una ambulanza alla centrale operativa del 118, che la invia subito sul posto.

Niente di grave per lei, ma la paura nonostante tutto c’è stata.

Ora, prosegue la caccia ai due che in più di una persona hanno visto fuggire a piedi. Se il loro passaggio è stato registrato anche dalle telecamere di videosorveglianza, qualche dettaglio di loro immortalato dall’obiettivo potrebbe aiutare gli investigatori nella loro identificazione. E la loro fuga potrebbe, allora, non durare poi per molto. —

EL.PE

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.