Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Vandali al parco Boccio distruggono i giochi e danneggiano l’area

castelnovo sotto. I giochi dei bambini fatti a pezzi e lasciati a terra, lattine e bottiglie sparse sul prato come pure il cestino dei rifiuti, divelto dal terreno. In queste condizioni è stato...

castelnovo sotto. I giochi dei bambini fatti a pezzi e lasciati a terra, lattine e bottiglie sparse sul prato come pure il cestino dei rifiuti, divelto dal terreno. In queste condizioni è stato lasciato, nella notte tra venerdì e sabato, ed è stato trovato dai frequentatori l’indomani, il parco del “Boccio”, come i castelnovesi chiamano l’area verde del bocciodromo, all’angolo tra via Petrarca e via Cardarelli.

Foto e una lunga coda di commenti sono stati postati sulla pagina Facebook del gru ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

castelnovo sotto. I giochi dei bambini fatti a pezzi e lasciati a terra, lattine e bottiglie sparse sul prato come pure il cestino dei rifiuti, divelto dal terreno. In queste condizioni è stato lasciato, nella notte tra venerdì e sabato, ed è stato trovato dai frequentatori l’indomani, il parco del “Boccio”, come i castelnovesi chiamano l’area verde del bocciodromo, all’angolo tra via Petrarca e via Cardarelli.

Foto e una lunga coda di commenti sono stati postati sulla pagina Facebook del gruppo “Sei di Castelnovo di Sotto...”. L’atto vandalico dai più viene attribuito a qualche gruppo di giovanissimi frequentatori. Il parco infatti è utilizzato da molti come ritrovo, soprattutto d’estate, fino a tarda sera. Tanto che non mancano le lamentere riguardo ai rumori.

L’amministrazione locale, con il giovanissimo neo sindaco Francesco Monica, al lavoro solo da pochi mesi, si dice già all’opera per cercare di affrontare una situazione che, purtroppo, non è nuova.

«Ci stiamo attivando con i carabinieri per cercare di capire cosa sia successo la notte tra venerdì e sabato e, soprattutto, chi siano i responsabili – dice Monica –. Questo senz’altro è il primo passo. Poi, di concerto con i gestori della struttura, il circolo Arci, e con la preziosa consulenza dei carabinieri, dovremmo valutare cosa si può fare per evitare che si ripeta».

Tanti i commenti sul post di denuncia che invocano misure stringenti: dai cancelli chiusi di notte, alle telecamere. In molti si spingono a chiedere maggiore severità da parte dei genitori.

Meglio sarebbe, dice invece qualcuno, che all’idea della punizione preferisce quella della migliore educazione, se si facesse capire ai ragazzi – sempre che i vandali siano un gruppo di giovani – come quei giochi da loro distrutti siano importanti per i bimbi più piccoli. Chi tra loro, in fondo, non ha fratellini o cuginetti a cui pensare? —

M.F.. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.