Quotidiani locali

Sicurezza stradale, guida al cellulare: mille multe in un anno

Polstrada, la scorsa settimana dedicata alla prevenzione anti smartphone: controllati 765 veicoli, 54 sanzioni

REGGIO EMILIA. Telefonino al volante: quasi 800 multe (per un valore di poco meno di 90mila euro) effettuate in totale dal comando di polizia stradale di Reggio Emilia l’anno scorso, 312 multe (valore 48mila euro) nei primi cinque mesi di quest’anno.

leggi anche:



Basta guardarsi intorno ai semafori o quando si è in colonna: c’è chi spedisce mail, chi risponde a messaggi Whatsapp e chi resta appeso al braccio che regge la cornetta. Finché si è fermi all’incrocio, tutto bene: il problema è quando lo smartphone non viene risposto nemmeno durante la marcia, da conducenti sempre più avvezzi alla perenne connessione.

I NUMERI. Quella appena trascorsa è stata una settimana speciale: la rete di cooperazione polizie stradali Tispol (nata nel 1996 sotto l’egida della Ue, oggi vi aderiscono 28 nazioni) ha battezzato la prima settimana di giugno (dal 4 al 10) dedicandola a una campagna preventiva per il corretto uso degli apparecchi telefonici durante la marcia. Anche gli agenti si sono concentrati in modo specifico sugli automobilisti armati impropriamente di cellulare. L’operazione ha visto impegnate 51 pattuglie per 102 agenti, che hanno controllato 765 veicoli, redigendo 54 multe.

Dall’inizio dell’anno (1 gennaio-8 giugno 2018) la Polstrada reggiana ha elevato 312 multe; un +18% rispetto allo stesso periodo del 2017, quando erano state 247. In realtà le infrazioni all’articolo 173 del Codice della strada nella nostra città hanno avuto un boom nel 2016: nel 2015 sono state 447 le sanzioni comminate dalla Polstrada, nel 2016 ben 1.438, l’anno scorso sono state 768. Una diminuzione dovuta, secondo gli addetti ai lavori, all’attenzione degli automobilisti, volta più ad eludere i posti di blocco che a non utilizzare lo smartphone.

IL COMMENTO. «Le statistiche parlano chiaro: sulle strade avvengono meno incidenti, ma di maggiore gravità con un aumento di quelli mortali. E la prima causa dei sinistri è la distrazione provocata dal cellulare», commenta il comandante della Polstrada di Reggio Emilia Ettore Guidone, che sottolinea la gravità del fenomeno sociale, al di là della campagna europea contingente, che è stata eseguita in autostrada, sulla via Emilia e sulle strade di città e provincia, in divisa e auto di servizio. «Anche se i posti di blocco più efficaci, per questo tipo di controlli che non necessitano di particolari strumentazioni e sono basati sull’accertamento a vista, è l’appostamento in borghese», precisa Guidone, che sottolinea come «per scrivere un breve messaggio su Whatsapp si impiegano 4/5 secondi: anche viaggiando a 50 chilometri orari, si impiegano diversi metri per fermarsi».

RECIDIVI. Il secondo step delle verifiche effettuate dalla Polstrada nei primi mesi di quest’anno riguarderà la sussistenza di recidiva. Secondo la normativa, per chi commette questa violazione amministrativa più di una volta in un biennio scatta la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.

«Mesi fa il Parlamento ha discusso se inasprire la legge: la proposta era di introdurre il ritiro immediato in strada (per la successiva sospensione) della patente, modifica poi caduta in un nulla di fatto – spiega il comandante – Ma la recidiva continua a costare cara».

Il punto è, secondo il comandante, che per non rischiare la patente «gli automobilisti devono capire che la guida non è un’attività ancillare o secondaria: quando si è al volante, non si deve fare nient’altro».

MUNICIPALE IN MOTO. «Purtroppo in questo tipo di infrazione i posti di blocco servono a poco: gli automobilisti vedono gli agenti in lontananza e mettono via il cellulare – conferma il comandante della polizia municipale Stefano Poma – Visti i buoni risultati (nel 2017 la Municipale ha comminato 175 multe), quest’estate ripeteremo le verifiche con agenti in moto, che affiancano e sorprendono i conducenti indisciplinati».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro