Quotidiani locali

I medici sono pochi, l'ortopedia del Franchini chiude fino a settembre

Per carenza di ortopedici, l'atttività del reparto da lunedì 18 giungo e fino al 9 settembre sarà trasferita al Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Le proteste del sindacato

MONTECCHIO. Per carenza di medici ortopedici, l’Ortopedia di Montecchio da lunedì e fino al 9 settembre sarà trasferita al Santa Maria Nuova. In quel periodo l’equipe chirurgica di Montecchio opererà a Reggio Emilia i pazienti presenti in lista d’attesa a Montecchio. La comunicazione viene dal segretario generale
Uilfpl Reggio Emilia Mauro Chiarin.

«A Montecchio – prosegue – rimarrebbero i servizi dei poliambulatori ortopedici. Trasferimento anche della degenza legata all’ortopedia. Sembra, ma va verificato, che per questo reparto il trasferimento sarà definitivo. Se fosse vero allora sarebbe in forse l’esistenza al Franchini della Chirurgia Ortopedica». Secondo il sindcalista: «Se medici ortopedici e di altre specialità, non sono attratti dall’offerta di lavoro Ausl, bisogna che l’Ausl trovi il sistema di rendere appetibile la richiesta».

La Uilfpl, oltre a criticare la Ausl «per avere messo i lavoratori davanti al fatto compiuto, senza alcun confronto», convocherà un assemblea del personale infermieristico e medico, degli operatori sanitari di Montecchio e del Santa Maria «per illustrare la proposta aziendale e ascoltare le proposte degli operatori sanitari». «L’obiettivo

–prosegue Chiarin – è potenziare l’Ortopedia di Montecchio con assunzioni di medici ortopedici». Il sindacato ha intenzione anche di convocare l’assemblea con i Comuni della Val d’Enza per illustrare «una situazione che coinvolge tutta la cittadinanza».


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro