Quotidiani locali

Gualtieri, i commercianti: «Il set del film su Antonio Ligabue ci fa perdere le vendite»

Diventa una petizione la protesta dei negozianti di piazza Bentivoglio. Il sindaco Bergamini: «Dispiace che abbia firmato anche chi ha il negozio altrove»

GUALTIERI. Piazza Bentivoglio in questi giorni è al centro delle riprese del film “Volevo nascondermi”, che tratterà della figura di Antonio Ligabue, interpretato nell’occasione da Elio Germano. La zona “off limits” allestita dalla Palomar, casa produttrice che si occupa della realizzazione del film diretto da Giorgio Diritti, occupa tutta la piazza, e per questo motivo l’area non è accessibile alle auto.

Questa situazione sta suscitando il malcontento delle attività che guardano proprio sulla piazza, tanto da spingere un gruppo di commercianti a far protocollare una petizione in municipio e a rivolgersi alla Gazzetta per illustrare il loro disagio.

«In questi giorni la piazza intera – scrivono i commercianti – è ostaggio della produzione cinematografica. Le attività commerciali che si trovano concentrate sotto i portici della piazza stanno soffrendo pesanti perdite nelle vendite e la situazione cominciata lunedì alle 8 si protrarrà fino a domani. Vorremmo protestare pubblicamente per il mancato rispetto da parte soprattutto dell'amministrazione comunale che in spregio della già bistrattata situazione commerciale odierna ha dato il benestare alle riprese senza neanche fornire un calendario degli impegni che ci avrebbero coinvolto così pesantemente».

«Le strade d’accesso alla piazza sono chiuse – aggiungono commercianti e artigiani – e anche i pedoni non arrivano perché ormai si è sparsa la voce che la zona è inaccessibile. Capiamo le esigenze della produzione, ma quattro giorni interi senza introiti sono tanti, il nostro registro dei corrispettivi parla chiaro su quanto stiamo perdendo. Alla riunione che c’è stata il sindaco non è intervenuto, ha parlato solo la produzione».

Proprio il sindaco Renzo Bergamini spiega la situazione dal punto di vista dell’amministrazione comunale. «Abbiamo svolto degli incontri con i cittadini delle varie zone di Gualtieri – afferma – e anche con i commercianti della piazza sembrava che fosse stata raggiunta un’intesa. Ci siamo impegnati a fare da mediatori tra le esigenze dei negozianti e quelle della produzione, tanto che abbiamo mantenuto intatti il mercatino dell’antiquariato e anche quello settimanale. In questi giorni c’è una viabilità ridotta, mi dispiace che a questo appello abbia aderito anche chi non lavora direttamente sulla piazza. Ai commercianti che mi sono venuti a trovare ho risposto che lo spazio pubblico è pubblico, e che

per porre dei veti servono motivazioni di un certo tipo. Cercherò di parlare con la Palomar, sono aperto a qualsiasi ragionamento. Abbiamo anche ipotizzato di elaborare iniziative specifiche tipo Notte bianca per aiutare il commercio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro